Cronaca Via Taranto, 83

Fiamme nell’officina di un radiatorista: il fuoco divora strumentazione e i muri

Il fumo è stato notato dalla polizia, nella notte, in via Taranto. I danni all’interno sono ingenti, si indaga

Danni ingenti all'interno

LECCE – Il passaggio, casuale, di una volante della polizia in città ha scongiurato conseguenze ben più gravi. Nella notte, gli agenti della sezione volanti hanno infatti notato del fumo che fuoriusciva dalla parte inferiore della saracinesca di un’officina. E’ accaduto poco dopo le 3, al civico 83 di via Taranto, dove ha sede l’officina di un radiatorista del posto.

I danni arrecati dal rogo sono ingenti e hanno provocato conseguenze per decine di migliaia di euro. Lo hanno constatato gli stessi vigili del fuoco, allertati dal personale della questura. Una volta all’interno, i caschi rossi hanno trovato i locali completamente avvolti dalle fiamme: l’incendio aveva già divorato un’autovettura, per poi travolgere le pareti, ora annerite e diverse strumentazioni da lavoro.

Sono in corso le indagini per stabilire la natura dell'episodio. Negli istanti successivi alle operazioni di spegnimento, infatti, sia i pompieri che gli agenti hanno eseguito un sopralluogo. Da un primo riscontro, il rogo sembrerebbe essere divampato per ragioni di natura accidentale. Forse una scintilla partita da uno dei macchinari custoditi all'interno, forse causa di un corticircuito. Si tratta soltanto di una delle numerose ipotesi, che potrà essere confermata o smentita una volta terminati i controlli tecnici.

Di certo, intanto, c'è che l'immobile non ha subito dei danni strutturali. Gli impianti non sarebbero stati compromessi e l'edificio, al di là dei muri anneriti e sporchi, conserverà l'agibilità. I poliziotti, in queste ore, stanno cercando dei filmati di videosorveglianza installati in zona, per scongiurare con certezza l'eventuale gesto da parte di qualcuno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiamme nell’officina di un radiatorista: il fuoco divora strumentazione e i muri

LeccePrima è in caricamento