rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca Taurisano

A fuoco le auto di una coppia, ingaggiati dall'ex marito in cambio di 200 euro: indagati due fratelli

Identificati gli individui ritenuti responsabili dell'incendio di due vetture, avvenuto il 17 novembre del 2023, nelle campagne di Ugento, al confine con Taurisano. Il primo a finire nei guai fu il mandante nell'ambito del procedimento in cui risponde di maltrattamenti

UGENTO/TAURISANO - Sono stati individuati i due uomini che, in cambio della somma di 200 euro, si sarebbero prestati a mettere fuoco alle vetture di una coppia, in contrada Donna Francisca Petrosa Calcara, a Ugento, il 17 novembre del 2023.

Si tratta di due fratelli di Taurisano, S.T., di 25 anni, e F.T., di 32, ai quali nelle scorse ore è stato notificato l’atto di conclusione delle indagini, con contestuale avviso di garanzia, firmato dal sostituto procuratore Luigi Mastroniani, titolare del fascicolo d’inchiesta.

A ingaggiarli sarebbe stato l’ex marito della donna, che una decina di giorni dopo fu arrestato nell’ambito del procedimento in cui risponde principalmente del reato di maltrattamenti in famiglia (qui, la notizia). L’episodio incendiario sarebbe stato infatti l’ultima di una serie di vessazioni subite nel tempo dalla malcapitata.

Proprio l’uomo, dopo il suo arresto, avrebbe rivelato, in sede di interrogatorio col giudice, di aver commissionato l’incendio offrendo come corrispettivo una somma di denaro.

Guarda il video

Ad essere distrutte dalle fiamme quella notte furono una Lancia Y e una Fiat Punto Evo, parcheggiate nel cortile di casa della coppia, a un paio di metri di distanza dalle pareti dell’abitazione.

L’arrivo dei vigili del fuoco, che domarono le lingue di fuoco contenendo così la loro diffusione, evitò conseguenze più gravi.

Sul posto, intervennero anche i carabinieri dipendenti dalla compagnia di Casarano che acquisirono i filmati delle telecamere di sorveglianza.

Sin dalle prime battute dell’inchiesta, si fece largo la pista di un atto doloso legato a ritorsioni e screzi maturati in ambito sentimentale.

Ora che l’inchiesta è chiusa, gli indagati avranno venti giorni di tempo per chiedere di essere interrogati dal pm, presentare memorie, o acquisire atti di indagine, attraverso l’avvocato difensore Giuseppe Presicce.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A fuoco le auto di una coppia, ingaggiati dall'ex marito in cambio di 200 euro: indagati due fratelli

LeccePrima è in caricamento