Misteriose fiamme divampano nella casa al mare: indagini in corso

Ore di intervento per spegnere il rogo: ha colpito un’abitazione a Frigole di un uomo che, fortunatamente, non si trovava all’interno

Foto di archivio

FRIGOLE (Lecce) – Si sono rivelate necessarie almeno cinque ore di intervento per spegnere le fiamme divampate in un’abitazione, a Frigole, una delle marine di Lecce. La casa, abitata da un uomo anche durante l’inverno, si trova in via Giacomo Bruce, ma il residente non si trovava, fortunatamente, all’interno al momento dell’accaduto. Le fiamme hanno arrecato danni ingenti all’immobile, divorando mobilio, oggetti e annerendo le pareti. La telefonata alla centrale operativa dei vigili del fuoco di Lecce è giunta una manciata di minuti prima delle 11 di questa mattina, quando ad alcuni passanti non è sfuggita la fitta colonna di fumo che fuoriusciva dall’interno dell’appartamento.

Sopraggiunti, i pompieri hanno dovuto lavorare fino al primo pomeriggio per domare il rogo, che ormai si era propagato a un’abbondante porzione della casa. I danni si arrecano attorno alle decine di migliaia di euro: oltre agli infissi e al mobilio, infatti, il fuoco potrebbe aver arrecato anche conseguenze all’impianto elettrico. Al sopralluogo, eseguito al termine delle operazioni di spegnimento, hanno anche partecipato gli agenti della sezione volanti di Lecce.

Sconosciute, al momento, le cause dell’episodio, che resta al momento avvolto dal mistero. Gli inquirenti stanno ora cercando di stabilire da dove sia partito il fuoco, e se vi sia l’eventuale responsabilità e volontarietà di qualcuno. Nessuna pista è esclusa, compresa dunque quella dolosa. Potrebbe essersi anche trattato di un improvviso cortocircuito provocato da un vecchio elettrodomestico: ma anche questa è soltanto una delle numerose ipotesi ora al vaglio, e che potrebbe essere esclusa o, al contrario, prendere consistenza soltanto col passare delle ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento