rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Ugento

Inchiesta Antimafia a Ugento, uno degli indagati torna in libertà, due ai domiciliari

Nei giorni scorsi il Tribunale del Riesame ha revocato la misura di custodia cautelare in carcere nei riguardi di tre uomini finiti nel blitz dei carabinieri lo scorso novembre

UGENTO - Il Tribunale del Riesame ha restituito la libertà a Katriel Scarcella, 23anni, e concesso i domiciliari al padre Michele, 65, ugentini, accusati di lesioni nell’ambito delle indagini condotte dalla Direzione distrettuale antimafia sul gruppo impegnato nel traffico, nello spaccio di droga e nelle estorsioni a Ugento e nei paesi vicini sfociate nel blitz dello scorso novembre.

Nei giorni scorsi, il collegio, composto dal presidente Maria Pia Verderosa e dai giudici Giovanni Gallo e Anna Maria Capano, ha accolto le istanze di revoca della misura disposta dalla giudice Simona Panzera, accogliendo così l’istanza degli avvocati difensori Francesca Conte ed Ezio Garzia.

Prima di questi, sempre su decisione dei giudici della Libertà, dal carcere era finito ai domiciliari, Cristian Angelo Pierri, 22 anni, anche lui di Ugento, difeso dall’avvocato Mario Coppola.

Stando alle carte dell’inchiesta, a capo del sodalizio ci sarebbe Vincenzo Minicozzi, il 32enne che, durante l’interrogatorio di garanzia, rilasciò dichiarazioni spontanee per respingere completamente le accuse.

Oltre ai quattro sopra menzionati, l’arresto in carcere era stato disposto anche per Emanuel Giuseppe Pierri, di 25 anni; Cosimo Luigi Catino, di 30; Matteo Congedi, di 37; Daniele Deiana, di 30; Luigi Petrachi, di 46; Pasquale Preite, di 68. Tutti di Ugento; Radames Trianni, 30enne di Torre San Giovanni. Ai domiciliari, invece, erano finite due donne: Annalisa Molle e Miriam Trianni, rispettivamente di 29 e 21 anni, anche queste di Ugento.

Nello stesso procedimento, risultano indagate altre dodici persone. Si tratta di: Antonio Bleve, 45enne di Alliste, domiciliato ad Ugento; Diego Antonio Caputo, 26enne di Melissano; Salvatore Caputo, 44enne di Melissano; Salvatore De Gaetani, 38enne di Ugento; Alessio Forte, 29enne di Ugento; Marco Manco, 33enne di Ugento; Fulvio Monsellato, 65enne di Ugento; Angelo Pizzi, 36enne di Ugento; Christian Ponzetta, 29enne di Melissano; Anselmo Antonio Trianni, 51enne di Torre San Giovanni (marina di Ugento); Silvia Urso, 36enne di Ugento; Vincenzo Zaccaria, 79enne di Ugento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Antimafia a Ugento, uno degli indagati torna in libertà, due ai domiciliari

LeccePrima è in caricamento