Travolta da un'auto, muore dopo tre ricoveri: aperta un'inchiesta

Olga De Simone, 74enne leccese, è stata travolta lo scorso 8 settembre da una Mercedes mentre attraversava via San Lazzaro. Dal Fazzi dimessa e ricoverata prima a Galatina, poi a Nardò, dov'è spirata. La famiglia vuole chiarezza

LECCE – E’ morta ieri mattina poco dopo le 8.30, dopo un calvario lungo quattro mesi, Olga De Simone, la 74enne leccese travolta lo scorso 8 settembre da una Mercedes Classe A mentre attraversava la strada nel punto in cui via San Lazzaro svolta a sinistra congiungendosi con l'inizio di via Orsini del Balzo, in pieno centro, a pochi metri da piazzetta Tito Schipa e via Cavallotti. Nell’incidente la donna riportò un forte trauma cranico, una contusione della corteccia cerebrale, e fratture multiple al viso e alle costole. Pochi minuti dopo l’incidente, la donna fu soccorsa dal personale del 118, che la trasportò d’urgenza in ospedale, al “Vito Fazzi” di Lecce, nel reparto di neurochirurgia.

La donna dopo alcune settimane fu dimessa dal nosocomio leccese, per essere poi ricoverata nuovamente nell’ospedale di Galatina. Da lì, si sarebbe reso necessario un ulteriore ricovero presso la struttura ospedaliera di Nardò, nel reparto di lungodegenza, dove l’anziana donna avrebbe dovuto seguire un percorso riabilitativo. Le condizioni della De Simone, però, si sarebbero improvvisamente aggravate, tanto da provocare il decesso.

Una morte improvvisa e inaspettata che ha portato i familiari della 74enne, assistiti dall’avvocato Giovanni Pellerino, a presentare un esposto in Procura, in cui si chiede alla magistratura di accertare le cause della morte. Il sostituto procuratore della Repubblica di Lecce, Donatina Buffelli, ha aperto un fascicolo (al momento contro ignoti) e domani dovrebbe conferire l’incarico al medico legale per eseguire l’autopsia. Si tratta di un accertamento necessario a stabilire se la morte possa eventualmente essere stata causata da presunte negligenze mediche o sia legata ai postumi dell’incidente stradale. Il pubblico ministero ha inoltre disposto il sequestro delle cartelle cliniche dell’anziana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incidente avvenne intorno alle 11 dell’8 settembre scorso. Gli agenti della polizia municipale, intervenuti sul posto, rilevarono che la donna fu investita nei pressi di un attraversamento pedonale praticamente invisibile. Il conducente dell'auto, un commercialista di Otranto, dichiarò di non aver avuto il tempo di realizzare cosa stesse per accadere, essendosi visto sbucare la donna in un attimo da una fila di auto. Sottoposto al precursore in dotazione ai vigili urbani di Lecce, risultò negativo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento