Incidenti stradali Stadio / Via Adriatica

Acqua battente, incidenti a catena. E c'è pure chi fugge dopo il danno

Nella zona industriale un Doblò ribaltato. E su via Adriatica, veicolo colpito da qualcuno che si è subito allontanato dal punto

LECCE – Giornata di pioggia, giornata di incidenti. Non ve ne sono stati di realmente gravi, ma non sono mancate le situazioni particolari. Come nei pressi di via Marcello Chiatante, dove intorno alle 13 si sono recati agenti di polizia locale, vigili del fuoco e ambulanza del 118, per trovare un furgone ribaltato in mezzo alle campagne, sull’innesto verso la zona industriale di Lecce, ma nessuno nelle vicinanze. Di fatto, non c’era nessuno all’arrivo degli agenti del personale sanitario.

Non solo. E’ stato fatto un controllo presso il pronto soccorso del “Vito Fazzi”, ma sembra che  non vi sia arrivato nessuno in particolare, nemmeno con mezzi proprio o accompagnato. Di fatto, nel primo pomeriggio ancora non si avevano notizie del conducente del veicolo, un Fiat Doblò. Per estrarlo dalle campagne, è stata necessaria l’autogru dei vigili del fuoco.

WhatsApp Image 2018-03-25 at 13.45.15-2E non è stato l’unico “fantasma” di giornata (anche se è plausibile che nelle prossime ore il conducente venga rintracciato). Nel pomeriggio, in via Adriatica, proprio nei pressi dell'hotel Zenit, alla polizia locale è stato segnalato il danneggiamento di un  veicolo regolarmente parcheggiato. L’autovettura che, evidentemente per una sbandata, ha provocato l’impatto, si è però volatilizzata prima che arrivasse qualcuno.

La polizia locale leccese ha svolto nelle ultime ore anche altri tipi di interventi. Ieri, nei pressi del cimitero, sono stati sanzionati due parcheggiatori abusivi (un uomo e una donna, leccesi), mentre in via Duca degli Abruzzi, si è registrato un controllo in un minimarket, con sequestro di prodotti alimentari congelati privi di etichettatura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua battente, incidenti a catena. E c'è pure chi fugge dopo il danno

LeccePrima è in caricamento