Incidenti stradali Copertino

Accusato di omicidio stradale un 39enne: nell'impatto morto ex sindaco

È originario di Copertino il conducente di una Bmw che mercoledì sera, all'altezza di Latiano, si è scontrata con una Alfa Romeo guidata da Lorenzo Caiolo, già primo cittadino di San Vito dei Normanni

Un vigile del fuoco davanti alle lamiere della Seat.

BRINDISI – Un 39enne di Copertino, E.P., è stato arrestato in flagranza di reato dopo l’incidente nel quale ieri sera ha perso la vita l’ex sindaco di San Vito dei Normanni, Lorenzo Caiolo. L'accusa è di omicidio stradale aggravato dalla guida in stato di alterazione da alcol e stupefacenti. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito dagli agenti del distaccamento di Fasano della polizia stradale di Brindisi, in collaborazione con i colleghi della polizia giudiziaria.

Due auto, poco prima delle 21, si sono scontrate sulla superstrada Taranto-Brindisi, all’altezza di Latiano: a condurre una Alfa Romeo 156 c’era Caiolo, a bordo di una Bmw 520 invece l'uomo originario della provincia di Lecce, poi trovato positivo al test sull’assunzione di cannabinoidi e a quello per alcol - con un tasso di 1,29 grammi per litro-, effettuati presso l'ospedale Perrino di Brindisi.

La ricostruzione della dinamica dell'incidente è affidata alla Polstrada di Brindisi. L'auto del 39enne, che si trova su disposizione del pubblico ministero agli arresti domiciliari, è stata posta sotto sequestro, la patente ritirata.

Nell’impatto è rimasto leggermente ferito anche il figlio di Caiolo, il 32enne Adameh: ne avrà per otto giorni (come del resto il copertinese). L’ex sindaco era molto apprezzato non solo nel panorama politico, ma anche in quello scolastico e associazionistico. La camera ardente è stata allestita nella sala consiliare del Comune che ha guidato per due mandati. Attesa la proclamazione del lutto cittadino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusato di omicidio stradale un 39enne: nell'impatto morto ex sindaco

LeccePrima è in caricamento