Tragico scontro con un camion: non ce l’ha fatta il conducente 62enne

È spirato in mattinata l’uomo di Taviano, accompagnato d’urgenza in ospedale nel pomeriggio di martedì scorso, con gravi lesioni allo sterno

L'ospedale "Ferrari" di Casarano.

CASARANO – È deceduto dopo meno di 48 ore dal ricovero nel reparto di Rianimazione dell’ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano.  Antonio Fernando Caro, il 62enne di Taviano rimasto coinvolto nel grave sinistro di martedì pomeriggio, è infatti spirato in ospedale intorno alle 10 e mezzo di questa mattina, dove gli operatori del 118 lo avevano accompagnato d’urgenza a seguito dello scontro avvenuto sulla provinciale che conduce a Maglie, con un furgone munito di cella frigorifera.

L’uomo, secondo una prima ricostruzione effettuata dagli agenti di polizia locale della cittadina, avrebbe improvvisamente sbandato, finendo per invadere la corsia opposta, quella sulla quale viaggiava appunto il camionista, rimasto illeso. Caro è stato trasportato in codice rosso in pronto soccorso con lo sterno completamente schiacciato, per poi essere trattenuto in prognosi riservata.

I medici hanno sperato fino alla fine che le sue condizioni potessero progredire in positivo, ma in mattinata il cuore ha cessato di battere e non c’è stato più nulla da fare. La sua salma, per ora, è stata trattenuta presso l’ospedale casaranese, in attesa che il pm presso la Procura della repubblica, Stefania Maria Mininni, disponga l’eventuale autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento