Muore il piccolo Roberto, investito da una vettura. I genitori donano gli organi

Non ce l'ha fatta il bimbo di 10 anni travolto, nella giornata di ieri a Trepuzzi, da un 39enne. I medici hanno dichiarato la morte cerebrale

LECCE - Purtroppo lo si sapeva. Eppure, tutti i salentini hanno incrociato le dita fino alla fine, invocando un miracolo. Non ce l’ha fatta il piccolo Roberto, il bimbo di soli 10 anni, travolto da una Mercedes Classe B nella giornata di ieri, alla periferia di Trepuzzi. Nel corso della mattinata, infatti,  i medici dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove era stato ricoverato, in coma, nel reparto di Rianimazione, hanno dichiarato la morte cerebrale. Le lesioni riportate dal bimbo, colpito durante l'impatto al capo e al torace, non gli hanno dunque lasciato scampo. Era giunto presso il pronto soccorso in condizioni piuttosto critiche, che non lasciavano ben sperare. Eppure, la comunità salentina sperava.

In giornata, l’equipe sanitaria avvierà la procedura per l’espianto degli organi della vittima, il piccolo Roberto Ragione, come disposto dai genitori in uno slancio di estremo altruismo che supera persino il dolore straziante. Tutto troppo veloce da metabolizzare, eppure la sua famiglia ha fatto in modo che la più ingiusta delle fatalità possa salvare un’altra piccola vita. L’incidente è avvenuto sulla via che collega Trepuzzi a Squinzano, intorno all’ora di pranzo: il piccolo ha attraversato la strada, senza scorgere la vettura condotta da un 39enne del luogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest’ultimo, sottoposto ai test clinici, è risultato positivo all’esame tossicologico: ora i carabinieri della compagnia di Campi Salentina stabiliranno se le tracce di stupefacente rinvenute nel sangue siano recenti o se, come avvenuto in analoghi episodi, si tratti di residui dell’assunzione di giorni precedenti. Al momento, l'auto è sotto sequestro giudiziario, per poter compiere tutti i rilievi del caso per poter fare chiarezza su una delle vicende più amare delle cronache recenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento