Domenica, 16 Maggio 2021
Incidenti stradali

Folle inseguimento sulla statale, una 48enne sperona gli agenti di polizia

La donna, dopo aver forzato un posto di blocco dei carabinieri a San Cesario, ha proseguito la sua fuga fino allo svincolo per Torchiarolo, provocando un incidente

LECCE – Folle inseguimento lungo le strade della penisola salentina, una scena in pieno stile “Fast and Furious”, prodotta però non dalla finzione cinematografica ma dalla realtà. Tutto è iniziato in serata a San Cesario, nei pressi del Mercatone Uno, dove una donna, una 48enne originaria della provincia, alla guida di una Volkswagen Polo (non una Jetta) di colore grigio, non si è fermata a un posto di blocco dei carabinieri. I militari si sono subito messi all’inseguimento dell’autovettura, lanciata a tutta velocità verso il capoluogo salentino.

La Polo è stata poi agganciata da una Volante della polizia sulla strada statale che da Lecce conduce verso Brindisi. L’inseguimento è poi proseguito per una ventina di chilometri, dopo aver forzato due posti di blocco. Nel frattempo sulle tracce della donna si è messa anche un’auto civetta della Squadra mobile, una Fiat Punto. La Volante ha cercato di rallentare la corsa della fuggitiva e, dopo averla superata, si è messa davanti per bloccarla. La donna, però, per nulla intimorita, ha speronato gli agenti, ma è stata bloccata dall’auto civetta, che a sua volta ha tamponato la Polo, nei pressi dello svincolo per Torchiarolo, al confine tra le province di Lecce e Brindisi.

Nella carambola di auto sono rimasti feriti quattro agenti, fortunatamente in modo non grave, e la conducente della Polo (per lei una prognosi di 25 giorni). Danneggiate le auto della questura. Sul posto sono intervenute alcune ambulanze del 118, che hanno soccorso i feriti, e gli agenti della polizia locale di Torchiarolo, che hanno avviato gli accertamenti con i colleghi della polizia. Le indagini proseguono per stabilire l’esatta dinamica dei fatti e cosa abbia spinto la donna a intraprendere il folle inseguimento, come da prassi sono stati eseguiti gli esami tossicologici. La fuggitiva risponde di resistenza, lesioni e rifiuto di sottoporsi agli esami tossicologici. La motivazione della fuga è da ricondurre a un precario stato psichico. Si trova ai domiciliari. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle inseguimento sulla statale, una 48enne sperona gli agenti di polizia

LeccePrima è in caricamento