rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Incidenti stradali Rudiae / Viale Giuseppe Grassi

Scontro tra un’ambulanza e tre autovetture. In sette finiscono in ospedale

Sono in tutto quattro i mezzi coinvolti nel sinistro che, intorno alle 23,30, si è verificato alla periferia di Lecce, nei pressi del comando provinciale dei vigili del fuoco. Cinque passeggeri sono stati accompagnati al "Vito Fazzi", mentre altri due sono finiti a Copertino: nessuno è grave

LECCE – Da un’ambulanza chiamata per un normale intervento, ne sono servite altre tre. Un grottesco sinistro si è, infatti, verificato nella serata di ieri, alle 23,30, all’incrocio tra viale Grassi e via Lequile, in città. Il mezzo con a bordo i sanitari del 118 stava per raggiungere la casa di un paziente, nelle vicinanze.

Per cause ancora da accertare, è avvenuto lo scontro che ha coinvolto anche tre auto, spedendo sette persone in ospedale. Immediata la richiesta di un altro veicolo sostitutivo da inviare all’indirizzo del paziente da soccorrere, oltre alle due che, invece, sono sopraggiunte per prestare aiuto ai passeggeri dei vari mezzi colpiti all’impatto.

In cinque, ritenuti feriti in maniera più grave, sebbene non preoccupante, sono stati trasportati presso il vicino pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, per essere visitati e medicati. Gli altri due, invece, presso il nosocomio di Copertino. Nessuno, tuttavia, ha riportato gravi conseguenze.

Sul posto, per eseguire i rilievi, gli agenti delle volanti e i colleghi di polizia locale di Lecce. I danni arrecati ai mezzi sono diversi, ma non sarebbero ingenti. AI vigili del fuoco, il cui comando provinciale è praticamente sul luogo in cui è avvenuto il sinistro, sono usciti in strada per offrire soccorso. Ancora poco chiara, infine, l’esatta dinamica dell’accaduto, che avrebbe potuto provocare conseguenze più preoccupanti, dato il punto critico dell’incrocio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro tra un’ambulanza e tre autovetture. In sette finiscono in ospedale

LeccePrima è in caricamento