Il furgone del mobilificio tampona il trattore: contadino 34enne giunge in ospedale e muore

Si sono verificati a Santa Maria al Bagno e nel territorio di Melendugno. Un giovane bracciante è spirato a seguito di alcune complicazioni

L'intervento dei vigili del fuoco a Borgagne

MELENDUGNO - Due gli incidenti nelle ultime ore: uno è finito in tragedia. A partire dalla mezzanotte, infatti, si sono verificati dei sinistri rispettivamente a Santa Maria al Bagno e a Borgagne, la frazione di Melendugno. Il primo episodio, in nottata (foto in basso), ha visto coinvolti in uno scontro frontale un autobus e una vettura. Nell’impatto, causato da una mancata precedenza, sono rimasti alcuni passeggeri, seppur in maniera non grave. Sul posto (in foto), oltre al personale sanitario del 118, anche gli agenti di polizia del commissariato di Nardò.

IMG_4448-5Drammatico epilogo, invece, per l’impatto avvenuto in mattinata tra un camion e un trattore, nel territorio di Melendugno, all'altezza di Borgagne (foto d'apertura e gallery). E’ accaduto sulla strada che conduce a Martano: Antonio Specchia, un 34enne del comune grico, alla guida del mezzo agricolo, è rimasto schiacciato dopo il ribaltamento del veicolo, intorno alle 9 e mezzo. Secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato il furgone, condotto dal dipendente di una nota catena di mobilifici, che viaggiava assieme a un collega, a tamponare l'altro veicolo, fino a farlo rovesciare sul manto stradale.

Il 34enne è stato immediatamente raggiunto dall’ambulanza e dai vigili del fuoco, ai quali è toccato estrarlo dalle ingombranti lamiere del veicolo, e dal medico rianimatore del 118. Per lui è partita la corsa in direzione del pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. I rilievi sono nelle mani dei carabinieri della stazione locale. Una volta giunto nel capoluogo salentino, però, le sue condizioni sono via via peggiorate. Sebbene i medici leccesi abbiano fatto di tutto per salvargli la vita, lui non ce l'ha fatta. In un primo momento, infatti, il 34enne è apparso semivigile agli occhi dei sanitari che gli hanno prestato i primi soccorsi.

Ma quadro clinico è improvvisamente peggiorato per alcune lesioni interne. In ospedale, intanto, è stato accompagnato anche il conducente del camion, per essere sottoposto a una serie di accertamenti, così come previsto dalla procedura per omicidio stradale. Sarà sottoposto, secondo la prassi, a un test per verificare l'eventuale assunzione di droga o alcol mentre si trovava alla guida. I veicoli sono stati entrambi posti sotto sequestro, come disposto dal pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Giovanni Gagliotta. Nelle prossime ore, sarà il magistrato a stabilire se far eseguire dal medico legale un'ispezione cadaverica, o l'intero esame autoptico sulla salma del giovane bracciante deceduto. Quest'ultimo, stimato dalla comunità, era a capo di una azienda agricola, con sede in località San Cosimo, al confine tra Martano e Carpignano Salentino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento