rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Numeri che preoccupano

Incidenti stradali nel 2021: in provincia di Lecce il numero maggiore di vittime

La rilevazione, a cura di un'agenzia regionale, mette in risalto un aumento significativo della mortalità anche rispetto alla media del triennio che ha preceduto la pandemia, quello dal 2017 al 2019

LECCE - È sul territorio della provincia di Lecce, purtroppo, che nel 2021 è stato registrato il più alto numero di vittime per incidenti stradali, ben 50. Il preoccupante dato è uno dei molti contenuti nel rapporto dell’Agenzia regionale per lo sviluppo ecosostenibile del territorio (Asset), incaricata di occuparsi delle rilevazioni, per quanto riguarda la Puglia, attraverso l’ufficio Centro Regionale di Monitoraggio e Governo della Sicurezza Stradale.

Il confronto con il 2020 è impietoso, con un incremento del 127 percento, ma va ricordato che quello è stato l’anno, da marzo in poi, delle restrizioni per contrastare la pandemia e dunque anche delle forti limitazioni alla circolazione stradale. La comparazione con la media del triennio precedente, quello dal 2017 al 2019, serve quindi a dare una rappresentazione più realistica delle variazioni: ebbene, l’incremento del numero delle vittime si avvicina al 30 percento. Quello dei sinistri con feriti è, invece, in calo di poco più dell’11 percento e, più in generale, si nota una riduzione del 3 percento del numero complessivo degli incidenti.

Le vittime di sinistri mortali avvenuti sulle strade statali del Tacco sono state 8, come nel 2020, i feriti sono passati da 178 a 207. Per questa tipologia di strada è stata la SS 274 (Salentina Meridionale) ad aver registrato il numero maggiore di vittime, pari a 5. Un aumento impressionante risulta per quanto riguarda le arterie provinciali con 30 vittime nel 2021 a fronte delle 6 dell’anno prima: la strada più interessata dall’incidentalità è stata la 363 (Maglie-Santa Cesarea Terme) con 23 incidenti, una vittima e 43 feriti. La provinciale con il maggior numero di vittime è stata la 17 (da Guagnano alla SS101). Nella provincia di Lecce, complessivamente, si è verificato quasi il 26 percento degli incidenti mortali avvenuti in puglia – 49 su 191 - e poco meno del 25 percento delle vittime – 50 su 203 -.

Focus regionale

Per quanto riguarda la regione, presa nella sua interezza, i dati esposti dal responsabile del Centro monitoraggio sicurezza stradale dell’Asset, Pierpaolo Bonerba indicano in 9.086 gli incidenti stradali con lesione – con una media di 757 sinistri al mese – e 203 vittime di cui 145 conducenti, 41 persone trasportate, 17 pedoni e 14.021 feriti. Rispetto al 2020 il numero di sinistri con morti e feriti è aumentato di un quarto, gli incidenti mortali hanno registrato un incremento di quasi un terzo, il numero dei morti del 27 percento e quello dei feriti del 23 percento. Il confronto con il triennio precedente la pandemia, invece, mette in risalto una sostanziale continuità del trend, ma si deve prendere atto dell'aumento del 2,5 percento del numero degli incidenti mortali.

I mesi estivi sono stati quelli a maggiore incidentalità, con luglio che ha registrato 34 sinistri al giorno, mentre la concentrazione maggiore di incidenti mortali si è avuta a settembre con tre vittime ogni 100 sinistri. Il venerdì e il sabato sono stati i giorni da bollino rosso e il sabato è stato anche quello col maggior numero di vittime 35, seguito da lunedì, 34 e dalla domenica, 33. Per quanto riguarda la fascia specifica del week-end è emerso che gli incidenti mortali sono aumentati, rispetto alla media del triennio 2017-2019, del 18 percento e le vittime dell’1,5 percento. Le cause principali dei sinistri sono state la distrazione alla guida e l’eccesso di velocità.

Video: progetto di educazione stradale nelle scuole

Secondo il direttore generale di Asset, Elio Sannicandro “la lettura dei numeri è drammatica, le principali cause di incidente stradale sono imputabili al fattore umano e a comportamenti errati e superficiali. I dati ci inducono a non abbassare la guardia e a proseguire quei percorsi di sensibilizzazione attuati dalla Regione attraverso Asset, rivolti al mondo della scuola, e intervenendo su tutta la cittadinanza con eventi dedicati alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile. Dati alla mano, questo ultimo rapporto evidenzia come l’effetto positivo della pandemia sull’incidentalità stradale si è percepito ancora nei numeri dei primi mesi del 2021 mentre è definitivamente svanito già nei mesi primaverili ed estivi con incremento degli incidenti mortali non solo rispetto al 2020 ma anche al trend degli anni precedenti”.

Scarica e consulta il Report_2021_incidenti stradali Puglia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali nel 2021: in provincia di Lecce il numero maggiore di vittime

LeccePrima è in caricamento