Un uomo travolge un ciclista e scappa: è caccia all’auto pirata

Il grave incidente nel tardo pomeriggio, alla periferia di Soleto. Il ferito sbalzato con violenza di sella e lasciato sull’asfalto

Il punto in cui si è verificato l'incidente.

SOLETO – Un ciclista di 39 anni investito da un’auto in periferia: il conducente del mezzo fugge senza prestare i soccorsi. È caccia all’auto pirata che, nel tardo pomeriggio di oggi, ha travolto un uomo in sella alla sua bici. Il grave sinistro si è verificato alla periferia di Soleto, sulla via che conduce a Sternatia, dove il  ferito è stato sbalzato in un volo sull’asfalto.

Soccorso dagli altri passanti, è stato poi raggiunto dagli operatori del 118 e medicato in un primo momento sul posto. Successivamente, è partita la corsa in direzione dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove si trova tuttora per essere sottoposto alle visite mediche. Ha riportato un trauma cranico commotivo, che dovrà essere costantemente monitorato dal personale sanitario, in prognosi riservata.

Dai primi riscontri non sembrerebbe versare in pericolo di vita, ma la situazione è delicata poiché l’impatto è stato violento. Le indagini sono nelle mani dei carabinieri della stazione di Soleto e dei colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Maglie. I militari dell'Arma hanno avviato le ricerche e allestito posti di blocco, nella speranza di rintracciare il responsabile. Al vaglio degli inquirenti, intanto, anche eventuali testimonianze, fornite dagli automobilisti di passaggio in quel momento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

  • Fermati in centro per controllo: dosi di eroina nell'auto, due in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento