Investito dall’auto in retromarcia, dopo sette giorni muore in ospedale

Non ce l’ha fatta Antonio Martiriggiano, calzolaio di Aradeo, deceduto dopo l’incidente di martedì scorso avvenuto in paese. I rilievi affidati alla polizia locale

ARADEO - Le lesioni riportate dopo l’impatto sono state alquanto gravi e dopo una settimana di agonia, e la strenua lotta per rimanere aggrappato alla vita, non ce l’ha fatta Antonio Martiriggiano, l’84enne originario di Aradeo, rimasto vittima di un incidente avvenuto in paese la settimana prima della Santa Pasqua. L’uomo è stato accidentalmente investito mentre stava attraversando un tratto di strada di via Torino, a poche centinaia di metri dalla sua abitazione nella vicina via Isonzo. Proprio all’altezza dell’intersezione tra le due strade, l’anziano è stato centrato da un’auto che, a causa di una manovra errata, stava risalendo via Torino in retromarcia.

La donna alla guida della vettura, dopo aver superato l’incrocio con via Isonzo, forse resasi conto di aver sbagliato strada, ha ingranato la retromarcia per tornare indietro ed imboccare successivamente la traversa che aveva superato. Una manovra repentina durante la quale la conducente non si è accorta della presenza sulla carreggiata dell’uomo che è stato quindi colpito in pieno dall’auto cadendo rovinosamente sull’asfalto. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi da parte di alcuni testimoni e le urla della donna hanno richiamato l’attenzione anche dei volontari della protezione civile presenti nella vicina sede di via Scalfo. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118 che ha trasportato l’84enne in codice rosso alla volta dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, mentre i rilievi sono stati affidati agli agenti della polizia locale, guidati dal comandante Daniela Casaluci, che su disposizione del magistrato di turno hanno effettuato anche il sequestro del mezzo coinvolto nell’incidente stradale.

Ricoverato in prognosi riservata per alcuni giorni, “Uccio” Martiriggiano come lo conoscevano tutti nella comunità aradeina, è purtroppo venuto a mancare nelle scorse ore. Le sue condizioni, apparse subito gravi dopo il sinistro, si sono poi aggravate sino al decesso. Come da prassi per la conducente, inizialmente indagata per lesioni personali a seguito di sinistro stradale, si passerà ora alla contestazione di omicidio colposo.                

                                       

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Parte un colpo mentre pulisce l’arma: ferita la fidanzata, indagato 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento