Le reazioni: "L'omicidio stradale per evitare che i drammi restino impuniti"

Diversi politici scendo in campo dopo la morte del bimbo di 10 anni di Trepuzzi. E chiedono più anche più severità nei controlli su droga e alcool

LECCE – Il caso del bimbo di 10 anni morto a Trepuzzi ha generato anche un inevitabile dibattito politico. Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Cristian Casili, si astiene però da qualsiasi considerazione. Fresco di una tragedia recente e vissuta sulla propria pelle proprio sotto Natale, preferisce lasciare un commento rivolto ai genitori.

"Mi stringo al dolore dei familiari del piccolo Roberto – dice -So cosa vuol dire questa immane sofferenza e in questi momenti non ci sono parole che possano alleviare il dolore e la rabbia. La notizia mi ha scosso profondamente. Sarò vicino alla famiglia nel silenzio di una preghiera, nel conforto di uno sguardo, di una parola”.

L’ex sindaco di Lecce, Adriana Poli Bortone, ritiene che sia il caso di “affrontare in maniera forte ed energica il problema della droga, causa, purtroppo, frequentemente di incidenti come quello che è costato la vita ad un povero bambino innocente”. Almeno, il test degli stupefacenti è risultato positivo.

“E’ necessario fare test ai cittadini che hanno particolari responsabilità, come conducenti di mezzi pubblici, ma anche educatori, amministratori. Nelle Asl – aggiunge - si dovrebbe istituire un apposito pool di medici che attestino trimestralmente l’idoneità di tutti coloro che, a vari  livelli, hanno determinate responsabilità”.

Oltre a test antidroga e per alcol periodici, Adriana Poli Bortone sostiene che “si dovrebbe aggiungere comunque un primo screening nel momento in cui si chiede il rilascio o il rinnovo della patente”. E ponendo le sue condoglianze alla famiglia del bambino sottolinea come “nonostante colpita da un lutto così grave, ha inteso dare un forte segnale di solidarietà e generosità attraverso la donazione degli organi”.

Per Tiziana Montinari , coordinatrice nazionale del Dipartimento tutela vittime di FdI-An “eventi drammatici come questo sono emblematici di come l’importanza di introdurre il reato di omicidio stradale oltre che essere una battaglia civica sia un’urgenza normativa al fine di colmare quelle lacune dove muoiono le speranze delle vittime di poter avere giustizia”..

“Bisogna finalmente mettere nero su bianco che quando ci si mette alla guida dopo aver assunto alcol e sostanze stupefacenti – aggiunge - ci si debba assumere la responsabilità dei possibili esiti nefasti di una condotta criminale che può uccidere altri esseri umani”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Bisogna far comprendere soprattutto ai più giovani – dice ancora - che la reazione del fisico di ognuno di noi all’assunzione di alcol e droghe cambia da soggetto a soggetto e addirittura si modifica anche nello stesso soggetto a secondo del suo stato psicofisico fotografato in un dato momento”. “Se l’Italia continua ad essere un paese dove si muore ancora troppo sulle strade un motivo c’è. L’Italia nell’Ue a 28 è ancora molto indietro, continuando ad essere uno tra i paesi con il tasso di mortalità per milione di abitanti più alto, pari a circa 55”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento