Domenica, 16 Maggio 2021
Incidenti stradali

Tragedia in strada: scontro fra motocicletta e bicicletta, due morti

Il terribile schiato intorno alle 21,30 di oggi alle porte di Melendugno. Sul posto vigili del fuoco e 118. Le vittime sono un salentino e un giovane straniero

MELENDUGNO – Tutto s’è consumato alle porte di Melendugno, in un punto immerso nel buio. La strada provinciale che collega a Lecce. Erano le 21,30 circa quando Antonio Maniglio, un uomo nato e residente a Calimera, 46 anni da poco compiuti, mentre alla guida di una motocicletta Yamaha XT 600 s’è scontrato contro una bicicletta. A bordo di quest’ultima c’era un giovane africano della Repbblica di Guinea, Diallo Boubacar, 28enne. Nativo di Conakry, era ospite del centro d'accoglienza "Villa Cinzia" di Acquarica di Lecce (Vernole).

Scartata l'ipotesi di un tamponamento, si è trattato di un frontale, stando a quanto ricostruito più precisamente nelle ultime ore. Di sicuro, lo scontro è stato fatale per entrambi. Caduti rovinosamente sull’asfalto dopo l’impatto, sono morti in pochi istanti. Quando sul posto sono arrivati i soccorritori, chiamati da alcuni automobilisti di passaggio, non c’era nulla da fare per nessuno dei due.

L’impatto s’è verificato verso le 21,30 poco dopo la stazione di servizio Total Erg di Melendugno. Fra i primi a intervenire sul posto, operatori del 118 e una squadra di vigili del fuoco dal comando di Lecce. Poco dopo, anche i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Lecce e i militari della stazione di Melendugno.

Un altro fatto  è stato appurato. Ed è forse determinante ai fini della ricostruzione finale. Sembra che la bicicletta avesse luci (frammenti sono stati trovati in strada con più facilità, alla luce del sole), ma soprattutto è certo che il ciclista indossasse una pettorina catarifrangente. Insomma, non era invisibile. Il motocilista, che doveva procedere a velocità sostenuta, potrebbe aver perso il controllo, andando così a scontrarsi sulla bicicletta senza possibilità di evitare l'impatto. I mezzi sono stati posti sotto sequestro. Le salme trasportare nella camera mortuaria dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce.  

Nota: articolo aggiornato in mattinata con dettagli più precisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in strada: scontro fra motocicletta e bicicletta, due morti

LeccePrima è in caricamento