Due incidenti in pochi minuti: tre feriti, uno è grave con trauma cranico

Il primo sinistro a Lecce, nei pressi dell'Obelisco: codici verde e giallo. Il secondo sulla Leverano-Veglie. Auto ribaltata, anziano in rosso a Copertino

LECCE – Molti automobilisti di passaggio hanno temuto il peggio, quando a metà mattinata hanno visto un uomo steso per terra, a due passi dall’Obelisco, coperto da un telo. Per fortuna, non era un incidente mortale, ma non per questo la situazione è stata meno delicata, giacché di mezzo vi sono state varie lesioni, fra cui un colpo in testa, e che tutto è avvenuto in un punto fra i più trafficati di Lecce: viale Calasso, quasi all’altezza dell’innesto dell’incrocio per via Taranto e viale dell’Università.

Il bilancio è di due uomini trasportati presso gli ospedali “Ignazio Veris Delli Ponti” di Scorrano e “Vito Fazzi” di Lecce, uno in codice verde, l’altro in giallo. Il primo è un 47enne di Lecce. Si trovava alla guida di una motocicletta Honda 150 Ks. L’altro è un cittadino indiano di 35 anni. Conduceva una bicicletta ed è colui che ha battuto la testa.

I rilievi degli agenti di polizia locale della sezione infortunistica stradale si sono svolti ascoltando anche la preziosa testimonianza di una studentessa di 22 anni, che ha permesso di ricostruire la dinamica.

La moto condotta dal leccese, dunque, proveniva da piazza del Bastione e, proseguendo su viale Calasso, viaggiava in direzione di viale dell’Università. A un certo punto, è spuntato l’indiano, in bicicletta. Questi, all’altezza dell’attraversamento pedonale nei pressi dello spartitraffico, dal marciapiede dove sorge l’edificio del Circolo Tennis, si stava spostando verso viale San Nicola, ovvero in direzione del cimitero. Ma, a quanto pare, senza scendere dalla bicicletta, come previsto dal codice della strada.

Tant’è: in quel momento s’è verificato l’impatto con la moto. Entrambi sono caduti malamente sull’asfalto e bene gli è andata che non siano stati travolti anche dalle autovetture di passaggio, che, all’ora dell’incidente, intorno alle 11, formano intere colonne.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118. E il motivo per cui molti passanti hanno temuto che fosse capitato il peggio, risiede nel fatto che il centauro, avendo una caviglia paralizzata, è stato coperto con un telo per riscaldarlo e lasciato per terra, cautelandosi che restasse immobile, in attesa che arrivasse il medico per accertamenti più approfonditi. Si temeva, in particolare, che potesse avere una frattura, che per fortuna non c’è stata. Ecco perché il trasporto a Scorrano, in codice verde.

Un po’ più serio il quadro dell’indiano, al quale è stato assegnato un giallo, proprio per via dell’urto alla testa. Ma ovviamente non si tratta di condizioni particolarmente gravi.

E non è finita qui, purtroppo. Quasi negli stessi minuti, infatti, sulla strada provinciale che collega Leverano a Veglie (in territorio di quest’ultimo comune), s’è verificato un altro sinistro. In questo caso, si è trattato di un ribaltamento. Un anziano alla guida di una Fiat Panda, per cause in fase d’accertamento da parte dei carabinieri del Norm di Campi Salentina, ha perso il controllo del mezzo, finendo fuori strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio De Luca, 73enne di Veglie, è stato trasportato dal 118 presso l’ospedale “San Giuseppe” di Copertino, in codice rosso. L’uomo è stato estratto dall’abitacolo dai vigili del fuoco del distaccamento locale. Era comunque cosciente, sebbene abbia riportato una profonda ferita in testa che ha provocato l’uscita di sangue. Non dovrebbero corre rischi per la vita, ma, visto il tipo di lesione, è necessario che resti sotto osservazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento