Operaio resta ferito: travolto da un'auto mentre lavora nel pozzetto

Paura in via Leuca, dove un 35enne di Bari di una ditta che lavora per conto di Open Fiber è stato colpito da una Lancia Y guidata da un 80enne leccese. La vittima trasportata in ospedale con codice rosso per dinamica, ma non è grave

La polizia locale sul posto. Sotto, il pozzetto in cui stava lavorando l'operaio.

LECCE – In un primo momento la situazione è parsa piuttosto grave. Poi, nelle ore successive, si è saputo che la vittima non ha riportato, per fortuna, traumi particolarmente gravi. Di sicuro, non rischia la vita. Ma gli è andata bene, perché l’uomo, un operaio, è rimasto travolto da una vettura mentre era al lavoro presso uno dei pozzetti presenti in città, riservati alla fibra ottica. Con conseguenze facilmente prevedibili se solo la velocità fosse stata elevata.

L’incidente s’è verificato intorno alle 13 di oggi nell’ultimo tratto di via Leuca, sulle strisce pedonali poco prima dell’incrocio con viale Otranto. Lì, esattamente al centro della strada, si trova il pozzetto in questione. L’operaio è un 35enne di Bari, dipendente di una delle ditte incaricate da Open Fiber di cablare la città. E all’improvviso, mentre stava svolgendo alcune attività, è sopraggiunta una Lancia Y vecchio modello, condotta da un anziano leccese di 80 anni. Il quale è finito con una delle ruote anteriori bloccata nel pozzetto spalancato, dopo l’impatto con l’operaio. Tanto che è stato necessario sollevarla di peso per sbloccarla.   

WhatsApp Image 2019-12-16 at 15.51.56-2

Sul posto sono subito arrivati gli operatori del 118 che hanno trasportato il 35enne (apparso comunque fin da subito cosciente) in ospedale, al pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce, in codice rosso per dinamica, poi diventato un giallo al momento dell’accettazione. Qui è stato visitato e la Tac ha escluso complicazioni. Se l'è cavata con una prognosi di nove giorni ed è stato dimesso nel pomeriggio, dopo l'apposizione di punti di sutura in testa.

Sul posto, intanto, sono arrivati prima una volante di polizia, poi gli ispettori dello Spesal, infine gli agenti di polizia locale per avviare i rilievi. Al momento sono in corso accertamenti per capire anche se transenne e segnaletica fossero collocati in maniera adeguata e se siano state, in generale, adottate tutte le cautele riguardanti gli infortuni sul lavoro. La stessa azienda Open Fiber, come avviene in questi casi, ha inviato il suo city manager per alcune verifiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento