rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
0 °
La bravata / Centro / Via XXV Luglio

Audi contromano di notte inseguita sui viali, poi lo schianto. Alla guida un 16enne

Solo per puro miracolo non si è consumata una tragedia vicino alla Villa comunale, verso le 4,30. Coinvolti un adolescente e un suo amico maggiorenne che gli stava facendo provare l'auto. Tallonati dalle volanti di polizia, poi l'urto. Maxi verbale di 5mila e 100 euro

LECCE – La fitta nebbia che avvolge l’oscurità e le strade umide e scivolose metterebbero a dura prova anche i piloti professionisti. Figurarsi, allora, un ragazzo di 16 anni al quale, in un attimo di adrenalinica follia giovanile, quello più grande, appena maggiorenne, decida di affidargli il volante di una potente Audi A3. Mettici in mezzo tutte le volanti di polizia del turno di notte impegnate in un inseguimento in stile Blues Brothers, sui viali del centro, per giunta contromano, e la frittata è servita.

Solo il fato ha voluto che non si sia consumato un dramma, alle 4,30 circa di questa notte, nel cuore di Lecce, a due passi dalla Villa comunale e da Palazzo dei Celestini. Perché gli ingredienti c’erano tutti: l’inesperienza del guidatore e la paura crescente quando ha capito che le volanti lo stavano tallonando, con i poliziotti che a loro volta temevano di trovarsi davanti a banditi della peggior specie, mai pensando che al volante vi fosse un adolescente di buona famiglia.

Tant’è. All’altezza di una curva, in viale XXV Luglio, l’impatto che ha messo fine alla corsa, probabilmente anche per via di spartitraffico e pista ciclabile, che hanno fatto perdere aderenza al mezzo. E per fortuna non stava passando nessuno, altrimenti vi sarebbe stata una collisione frontale dagli esiti disastrosi. Sì, frontale. Perché, come detto, l’Audi stava procedendo a tutta birra nel senso di marcia opposto a quello regolare.

Un impatto micidiale

Tutto ha avuto inizio quando alla centrale operativa del 113 è stata segnalata un’auto di grossa cilindrata, viaggiare in controsenso a forte velocità dentro Lecce. A bordo erano in due. Banda delle spaccate? Spacciatori? Ladri d'auto? Soggetti, semplicemente, fuori di testa, dopo una bevuta epocale o aver sniffato troppa cocaina? Nulla di tutto questo, ma la verità, ancor più incredibile, sarebbe venuta a galla solo dopo lo schianto. Sta di fatto che le volanti si sono messe a caccia del veicolo, intercettato su viale Lo Re. Il ragazzo alla guida deve essersi spaventato e si può pensare che anche l’amico che gli aveva prestato l’auto, accanto a lui, fosse entrato nel panico.

Procedendo sempre nel senso di marcia sbagliato, l’Audi ha imboccato via XXV Luglio – fortunatamente senza incrociare alcun veicolo, o sarebbe stato il patatrac –, fino all’impatto finale, avvenuto quasi all’altezza della rotatoria fra via Garibaldi e viale De Pietro. E quando i poliziotti sono arrivati sul posto, confluendo da più parti della città dopo essersi coordinati via radio, devono aver sgranato gli occhi, vedendo che al volante c’era un ragazzo di 16 anni, come emerso dai documenti. Il quale ha riportato qualche lesione, in particolare a un braccio. Ma nulla di grave. Illeso, invece, il suo compagno di disavventure notturne. E si è scoperto in breve che l’auto, andata distrutta, era di proprietà della madre di quest’ultimo. Entrambi sono residenti in provincia di Brindisi, in due distinti comuni.

Il 16enne è risultato negativo ai test. Niente stupefacenti, niente alcool. Ma, ovviamente, nemmeno niente patente. Uno dei svariati motivi per cui a casa arriverà un verbale monstre di 5mila e 100 euro. Una bravata costata davvero cara, alla sua famiglia. E con il concorso morale del maggiorenne, la cui sciagurata idea di far provare l’ebrezza del volante al 16enne ha portato alla distruzione del veicolo della madre, rischiando che la giovane vita di entrambi si spegnesse in una tragedia o che provocassero danni e vittime fra ignari passanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Audi contromano di notte inseguita sui viali, poi lo schianto. Alla guida un 16enne

LeccePrima è in caricamento