Martedì, 28 Settembre 2021
Incidenti stradali Centro / Viale Don Giovanni Minzoni

Violento scontro sul viale: il centauro resta ferito e l'automobilista fugge

Caccia al "pirata della strada" a Lecce. Gli agenti di polizia locale stanno verificando testimonianze e telecamere cittadine. Si cerca una Fiat Punto grigia vecchio modello. Dopo un incidente con una moto Bmw su viale don Minzoni, è fuggito senza soccorre il malcapitato, trasportato in ospedale

LECCE – Dopo lo scontro con quella moto ha pensato bene di sparire dalla circolazione. Chissà, forse non aveva patente, o magari l’assicurazione. Forse ha "solo" avuto paura delle conseguenze e la reazione istintiva è stata una fuga repentina.

Le ipotesi possono essere infinite. Quella che sembra l’unica certezza, al momento, è che il conducente di una Fiat Punto vecchio modello, di colore grigio, non ha atteso nemmeno di verificare se avesse ragione, torto o se vi fosse un concorso di colpa. Soprattutto, non s’è sincerato delle condizioni del motociclista rimasto ferito per terra, che è l’aspetto più grave. Decisamente più grave. E si è allontanato in fretta.

Così, ora è caccia aperta al “pirata della strada”. Lo stanno cercando gli agenti del comando di polizia locale, che hanno richiesto anche il supporto delle volanti della questura di turno in queste ore sul territorio. Qualora dovesse essere rintracciato, scatterà la denuncia per omissione di soccorso.

L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio lungo viale Don Giovanni Minzoni, all’altezza dell’incrocio con via Liborio Salomi. Dunque, in un punto centrale della città, fra l’Asl e il muro perimetrale dell’istituto “Marcelline”. L’auto, per cause in fase d’accertamento, s’è scontrata con una moto Bmw. Il conducente di quest’ultima, un 34enne di Lecce, è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato in ospedale con codice verde.  

Il centauro ha riportato diverse lesioni, ne avrà per una ventina di giorni. E intanto non si trova proprio l’altra persona coinvolta nell’incidente. Sul posto, per i rilievi, sono giunti gli agenti della sezione infortunistica stradale della polizia locale. 

Secondo le prime ricostruzioni, sembra che la moto procedesse lungo il viale in direzione della Torre del Parco e che l'auto, provenendo dal senso opposto, intendesse svoltare a sinistra verso via Salomi. L'impatto, quindi dovrebbe essere stato quasi frontale, giudicando anche dal tipo di danni riportati dalla moto Bmw. 

FullSizeRender_1-5Se questa dinamica fosse confermata, significherebbe una mancata precedenza dell'auto alla moto. Ovviamente, bisognerebbe anche valutare la velocità di quest'ultima, ma qualsiasi cosa passa ora in secondo piano rispetto al mancato soccorso del malcapitato 34enne, che comporta conseguenze penali per il fuggitivo.   

Una donna ha anche fornito agli agenti la sua testimonianza in merito a fuga dell'auto, compresi modello e colore. Purtroppo, però, non è stata in grado di leggere bene la targa: tutto s’è svolto molto rapidamente. Gli agenti visioneranno anche le videocamere in zona, in cerca di ulteriori dettagli. 

E intanto, ciò che colpisce di più, in questa storia, è che nemmeno il terrificante episodio avvenuto nei giorni scorsi a Roma, con nove persone investite da un’auto che non s’è fermata (e fra queste una donna che purtroppo è morta), sembra aver scosso le coscienze di tutti a tal punto da capire l’estrema gravità di certi comportamenti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violento scontro sul viale: il centauro resta ferito e l'automobilista fugge

LeccePrima è in caricamento