Incidenti stradali

Maxi-tamponamento in autostrada, muore giovane originario di Matino

Michele Seclì aveva 29 anni e lavorava per una ditta di Pordenone. Illeso il conducente del furgone nel quale si trovava. Nell'incidente sull'A13, nei pressi di Ferrara, imputabile alla nebbia, sono rimasti coinvolti sette veicoli

Foto di repertorio.

 

FERRARA – Un grave incidente stradale è avvenuto questa mattina sull’autostrada A13 Bologna-Padova, al chilometro 39. Ben sette i veicoli coinvolti, in un tamponamento risultato, purtroppo, mortale per un giovane originario di Matino. La vittima si chiamava Michele Seclì ed aveva 29 anni. Lavorava per la Naturaverde di Pordenone e si trovava al lato passeggero di un furgone condotto da un suo collega. Altre quattro persone sono rimaste ferite e sono state condotte nell’ospedale di Cona, frazione di Ferrara.

Il tamponamento nel quale è rimasto coinvolto anche il furgoncino Fiat Daily in cui si trovava Seclì, è stato causato principalmente dalla fitta nebbia che imperversava questa mattina sul tratto in questione, con visibilità ridotta a 100 metri. Il giovane matinese e il collega viaggiavano verso Bologna, per una consegna, quando è avvenuto il primo impatto, che ha poi creato una catena di altri scontri.

Il tratto tra Ferrara Nord e Ferrara Sud, intorno a partire dalle 10,25 circa e per diverse ore, è rimasto chiuso il tratto in direzione di Bologna, per agevolare l’intervento dei soccorritori. Sul posto dell'incidente sono intervenute le pattuglie di polizia stradale, i vigili del fuoco, i sanitari del 118. Gli agenti della stradale sono ora impegnati a ricostruire con esattezza tutte le fasi della dinamica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi-tamponamento in autostrada, muore giovane originario di Matino

LeccePrima è in caricamento