Mercoledì, 23 Giugno 2021
Incidenti stradali

Primario morì dopo un tragico schianto con la moto, a giudizio un 27enne

Sarà un processo a stabilire se a causare la morte di Giuseppe Serra, fu il mancato rispetto delle norme del codice della strada

LECCE – Sarà un processo a stabilire se a causare la morte di Giuseppe Serra, medico 57enne presso l’ospedale di Copertino, fu il mancato rispetto delle norme del codice della strada. Il gup Simona Panzera ha rinviato a giudizio un 27enne di San Donato con l’accusa di omicidio colposo. 

Il professionista, primario presso il Centro trasfusionale della struttura sanitaria copertinese, il 9 giugno del 2014, si trovava a  bordo di una moto “Honda” al momento del sinistro. La sua corsa terminò con un violento schianto su un muro, alla periferia di San Donato di Lecce, dove il medico rivestiva anche la carica di assessore comunale con delega al Bilancio. La vittima stava per lasciare il proprio paese per recarsi al lavoro quando andò schiantarsi sulla recinzione di un’abitazione, all’imbocco della strada provinciale che conduce a Copertino.

Secondo l’ipotesi accusatoria alla base della brusca manovra e del tragico incidente vi sarebbe stato il mancato rispetto di una precedenza. Ipotesi e teorie che dovranno essere approfondite in sede dibattimentale, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Lecce, dove si confronteranno i vari consulenti. I famigliari della vittima si sono costituiti parte civile con gli avvocati Marco Elia e Paola Ferocino, mentre l’imputato è assistito dall’avvocato Michela Mazzotta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primario morì dopo un tragico schianto con la moto, a giudizio un 27enne

LeccePrima è in caricamento