Muore due mesi e mezzo dopo l'incidente a 24 anni da poco compiuti

Non ce l'ha fatta Moreno Mariano, nativo di Nardò, residente ad Aradeo. Era rimasto coinvolto in un sinistro stradale nella tarda serata del 12 giugno scorso

ARADEO – Purtroppo non ce l’ha fatta. Nella notte il suo giovane cuore ha smesso di battere. Moreno Mariano, nativo di Nardò, residente ad Aradeo, i suoi 24 anni li ha compiuti di recente in un letto del reparto di Rianimazione dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Ma un tragico destino ha voluto che da quel letto non si rialzasse mai più.

Era la tarda serata del 12 giugno quando un ragazzo di passaggio in una zona buia alla periferia di Aradeo, accorgendosi di un’autovettura fuori strada, con i fari accesi, si era avvicinato per capire cosa fosse accaduto. Notando il giovane riverso sullo sterzo, boccheggiante. E chiamando i soccorsi, arrivati da lì a breve.

Erano le 23,40 circa, ma non si è mai chiarito l’orario esatto dell’incidente. Forse, anche un’ora prima della casuale scoperta. Difficile anche stabilire, vista la gravità delle ferite, se un intervento tempestivo avrebbe potuto strappare Mariano alla morte, arrivata a due mesi e mezzo di distanza. Ma non vi sono colpe precise, c’è di mezzo solo una drammatica casualità. Anzi, se quel ragazzo dall’occhio attento non si fosse avvicinato, quella notte, forse il 24enne sarebbe spirato nell’abitacolo e non si sarebbero nemmeno potute coltivare quelle sottili speranze che, purtroppo, si sono comunque spezzate nelle scorse ore.  

Mariano era stato estratto dall’auto, una Lancia Y prestatagli da una ragazza, dai vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli. Gli operatori del 118 l’avevano poi trasportato al “Vito Fazzi” in codice rosso. Sul posto, per i rilievi, erano quindi giunti i carabinieri del Norm di Gallipoli.

Stando alle ricostruzioni, la Lancia, percorrendo strada comunale Gentiluomo, fra Aradeo e Galatina, in contrada Spina, dopo un urto contro un palo, era un’uscita fuori strada, facendo un volo in mezzo a un campo di grano. Un incidente consumatosi in un punto buio e dove a tarda ora il passaggi di veicoli è anche rado. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non c’era nessuno accanto a lui e, si suppone, nemmeno nelle vicinanze. Tutto è avvenuto nella più assoluta solitudine. Poi, la scoperta e la richiesta di aiuto. Tutto vano. Nel Salento Moreno c’era tornato da poco, all’inizio dell’estate, dopo aver lavorato come gelataio in Germania. Nel Salento, ha trovato, purtroppo, anche i suoi ultimi giorni. Ora il suo corpo si trova nella camera mortuaria dell'ospedale del capoluogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento