Martedì, 3 Agosto 2021
Incidenti stradali Via IV Novembre, 105

Sfondano con una Bmw il muro di un’abitazione. Due muoiono sul colpo

In quattro, a bordo dell'auto, si sono schiantati a d elevata velocità su una casa di Surbo, occupata da una donna. Fortuna ha voluto che quest'ultima si trovasse nella stanza accanto. Due hanno perso la vita, gli altri passeggeri sono finiti in ospedale. Il conducente guidava sotto effetto di alcol

Un'immagine del tragico impatto

SURBO – L’alba di Surbo è stata inaugurata da uno schianto. Un incidente dai contorni assurdi nel quale sono morti due ragazzi sul colpo, e sono rimasti feriti gli altri due amici. Tutti gli occupanti sono originari del Brindisino. Intorno alle 5,15 di questa mattina, una Bmw 530 di colore nero, intestata a un uomo di 61 anni residente a Brindisi, ha sfondato il muro di una casa in via IV Novembre, al civico 105, alle porte del paese. Proprio sulla strada che conduce in periferia, in direzione di Lecce.

A perdere la vita Giovanni Longo, 25enne e Carlo Solazzo, coetaneo. Entrambi nati e residenti a Brindisi, come gli altri due occupanti, rimasti feriti: Simone Blasi, 29enne, conducente e figlio del proprietario dell'auto, e Antonio Palano, di 26 anni.

Una sequenza rapidissima di azioni, durata una decina di secondi in tutto. Lo slalom e la perdita del controllo del veicolo. Forse complice la poca visibilità dovuta alla nebbia. Poi lo schianto, sotto l'effetto dell'alcol. Sopraggiunti i sanitari del 118, è stato fin troppo chiaro che per due dei ragazzi non c’era più nulla da fare. Entrambi sono spirati a seguito della violenza di quell’urto. Non sarebbero, invece, in pericolo di vita gli altri due, trasportati presso l’ospedale “Vito Fazzi” del capoluogo salentino, per essere sottoposti ad accertamenti. Nessuno dei due sarebbe in pericolo di vita. Le ferite riportate durante il violento impatto sono lievi. Soltanto per uno potrebbe rivelasi necessario un intervento chirurgico, a causa di alcune lesioni rimediate all'altezza del setto nasale.

Fortuna ha voluto che la proprietaria si trovasse nella stanza dell’abitazione accanto a quella colpita. Sul posto, i vigili del fuoco del comando provinciale, che hanno dovuto lavorare per estrarre i corpi dei quattro amici dalle lamiere deformate.DSC_0003-3

Il teatro dell’assurdo episodio è stato raggiunto anche dai carabinieri, dal sindaco del comune dell’hinterland leccese, Fabio Vincenti, e da numerosi residenti della zona, svegliati di soprassalto da quel tonfo micidiale. Dalle prime ricostruzioni, è merso che i quattro amici erano di ritorno da un locale notturno di Surbo, per poi fare tappa in un bar, poco distante dal luogo dell'impatto.

Al momento, le due salme sono state trasferite presso la camera mortuaria del nosocomio leccese. Il medico legale Ermenegildo Colosimo sta per eseguire l'ispezione cadaverica sui due corpi, su incarico della Procura della Repubblica di Lecce. Il pubblico ministero di turno, Donatina Buffelli, ha intanto disposto il sequestro della Bmw, trasferita presso il deposito giudiziario, in attesa delle perizie successive. Nessun provvedimento, al momento, è stato invece preso nei confronti dei due ragazzi sopravvissuti al drammatico sinistro. Il conducente è risultato positivo al test che accerta la presenza di tracce di alcol nel sangue. Ma ulteriori verifiche sono ancora in corso.

Terminati i sopralluoghi nell'abitazione della malcapitata, titolare della casa danneggiata. Una verifica da parte del dirigente dell'Ufficio tecnico comunale è stata già effettuata e, con un'ordinanza del primo cittadino, i lavori per la manutenzione della struttura dovrebbero partire immediatamente. E' stata già stipulata una convenzione con una ditta specializzata nei lavori, mentre il personale del municipio ha dato avvio alla pulizia della strada, invasa da chiazze oleose, per tutelare la sicurezza degli automobilisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfondano con una Bmw il muro di un’abitazione. Due muoiono sul colpo

LeccePrima è in caricamento