Schianto sul palo, l'auto si ribalta: muore due ore dopo in ospedale

Tragedia alle prime ore del giorno alla rotatoria fra viale Chiatante e via Taranto. Nulla da fare per un 33enne di Frigole. Troppo gravi le ferite

LECCE – Tragedia alle prime ore del giorno alle periferia di Lecce. Gianluca Bisconti, 33enne residente a Frigole (frazione marittima di Lecce), è morto in ospedale, al “Vito Fazzi” di Lecce, dopo esservi arrivato in condizioni critiche. Il respiro era flebile, quand’è stato ritrovato, per caso, da un vigilante di passaggio che stava pattugliando la zona industriale di Lecce.

Erano le 3 di notte. Chiamato il 118, tentata una rianimazione sul posto e trasportato al pronto soccorso del nosocomio del capoluogo, due ore dopo, però, è spirato. Troppo gravi le lesioni riportate a seguito di un violento impatto, avvenuto contro un palo della luce, che ha provocato il ribaltamento del veicolo.

Era a bordo di una Mercedes

Bisconti viaggiava a bordo della sua Mercedes Classe A. Guidava in direzione di Lecce. Era solo in auto e si trovava nell’ultimo tratto di via Marcello Chiatante, l’arteria principale della zona industriale, praticamente quasi all’altezza dell’imbocco con via Taranto, non lontano dal Motel Aloisi. Proveniva da via vecchia Surbo. All’improvviso, per cause in fase d’accertamento, ha perso il controllo del veicolo, che è andato a collidere con estrema violenza contro un pilone, all’altezza della rotatoria. La Mercedes s’è ribaltata più volte, tanto che s'è sfondato il tettuccio, Bisconti è stato sbalzato fuori dall'abitacolo. Per terra, sull’asfalto, è stato infatti rinvenuto dal vigilante.

Il decesso attorno alle 5 del mattino

Giunto in ospedale, come detto, in condizioni particolarmente gravi, attorno alle 5 del mattino, il cuore di Bisconti ha smesso definitivamente di battere. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti gli agenti di polizia locale del comando di Lecce. Probabilmente sarà disposta un’autopsia, mentre si è in attesa dei riscontri delle analisi. Dalla dinamica, sembra che il 33enne abbia avuto un colpo di sonno. Le vettura, infatti, ha cambiato improvvisamente traiettoria, salendo sul marciapiede, per poi collidere contro il palo, sradicandolo dal suolo. Il 33enne aveva una cerchia di conoscenze piuttosto vasta. Descritto come un giovane umile e gioviale, aveva lavorato per diversi locali del capoluogo. Ultimamente, per conto del pub Madigan's di via Pappacoda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento