Sabato, 25 Settembre 2021
Incidenti stradali

Scontro fra Suv e Ape, 63enne in codice rosso al "Vito Fazzi"

L'incidente è avvenuto sulla 101, all'altezza dell'uscita per Lequile, in direzione di Gallipoli. Ferito grave, ma non rischia la vita, un uomo di Nardò che guidava il motocarro

LECCE – Un grave incidente stradale s’è verificato poco dopo le 17 sul tratto iniziale della strada statale 101. Poco dopo l’uscita di Lequile, in direzione di Gallipoli, per cause in fase d’accertamento, sono entrati in collisione una Hunday Tucson e un motocarro Ape.

In entrambi i veicoli c’erano due sole persone. Le ferite più gravi, quelle riportare dal conducente del motocarro: Giuseppe Bove, 63enne di Nardò. L’uomo è stato trasportato in codice rosso verso il vicino ospedale “Vito Fazzi” di Lecce da un’ambulanza del 118, ma non corre rischi per la vita. Ha riportato fratture costali e ha il braccio sinistro lacerato. Quasi del tutto illeso, invece, l’uomo alla guida della Tucson. E’ stato condotto al pronto soccorso, ma solo per accertamenti, in codice verde, e per i test di rito.

La differenza di “peso” fra i due veicoli è stata sicuramente determinante. A quanto pare, il sinistro si sarebbe verificato in seguito a un tamponamento. Il piccolo motocarro s’è ribaltato proprio ai margini del guard-rail di destra della carreggiata e il 63enne è rimasto incastrato, mentre il materiale che trasportava s’è riversato sull’asfalto. Sul posto, per liberarlo dalle lamiere e consegnarlo ai sanitari, sono intervenuti i vigili del fuoco.  

Sulla statale s’è creata una coda chilometrica. E sia perché il sinistro s’è verificato in un’ora di punta, sia perché in questi giorni il traffico è comunque più intenso, in prossimità delle feste. Alcune volanti di polizia hanno raggiunto il luogo per regolare il traffico e permettere alle auto di procedere almeno su una corsia. Più tardi, per i rilievi, sono arrivati gli agenti della polizia stradale.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro fra Suv e Ape, 63enne in codice rosso al "Vito Fazzi"

LeccePrima è in caricamento