menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scooter contro fiancata di un furgone all'alba: giovane di 28 anni muore sul colpo

L'incidente è avvenuto intorno alle 6 del mattino lungo la provinciale che collega Lecce a Frigole, in all'altezza dell'incrocio per San Ligorio. Simone Restia, giovane residente proprio nella marina, non è riuscito a evitare l'impatto con un Fiat Doblò in fase di svolta. Inutili i soccorsi del 118

FRIGOLE (Lecce) – I segni della frenata erano ben visibili sull’asfalto nel sole del primo mattino. Simone Restia, 28enne di Frigole, frazione marittima di Lecce, non è però riuscito a evitare l’impatto. Ed è morto sul colpo, nello schianto contro la fiancata di un furgone. Il conducente era in fase di svolta.  

Un’altra giovane vita spezzata nella rovente estate salentina. Lungo una strada, la provinciale che collega Lecce a Frigole (prosecuzione di via Giammatteo), già teatro in passato di molti, troppi sinistri, spesso gravi, a volte letali come quello di oggi. Stretta e piena di curve, nasconde insidie in ogni angolo.

Erano le 6 del mattino. Restia, a bordo del suo Liberty Piaggio, si stava recando proprio verso Frigole. Tornava a casa dal lavoro, nella zona industriale. Aveva da poco conclucos il turno di notte presso la Lasim. All’altezza dell’incrocio con via Roggerone, strada che conduce verso località San Ligorio, è andato a schiantarsi contro un Fiat Doblò.

Stando ai primi rilevamenti effettuati dai carabinieri dipendenti dalla compagnia di Lecce, fra i primi a raggiungere la zona del sinistro, sembra che il conducente di quest’ultimo mezzo avesse già impegnato l’incrocio. Di certo, lo scooter è finito contro la fiancata destra. E per il 28enne non c’è stato davvero nulla da fare.

Nemmeno il casco, ancora allacciato quando è stato soccorso, l'ha salvato dalle conseguenze dello scontro. Ha riportato gravi lesioni in tutto il corpo, con fratture multiple. E il decesso, stando a quanto rilevato dal medico legale Ermenegildo Colosimo, durante l'ispezione sul corpo, presso la camera mortuaria del "Vito Fazzi", è sopraggiunto in particolare a causa di un trauma al torace. 

Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 a bordo di più ambulanze, che hanno solo potuto constatare il decesso del giovane, e i vigili del fuoco del comando di Lecce, chiamati a evitare che la fuoriuscita di carburante potesse provocare un incendio. Sulla provinciale si sono recati anche gli agenti di polizia locale per la viabilità. In breve s’è formato attorno al corpo di Restia, adagiato sotto un lenzuolo, un folto capannello di cittadini, soprattutto persone provenienti da Frigole, la sua comunità, straziati per la morte del giovane.      

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    La questura informa: proroga permessi di soggiorno

  • Cucina

    Trìa, pasùli e mùgnuli: la ricetta della signora Laura

  • Fitness

    Rassodare il seno, ecco gli esercizi da fare

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento