rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Dinamica ancora da chiarire / Copertino

Terribile scontro in serata tra auto e trebbiatrice: muore una donna, marito grave in ospedale

L’incidente sulla provinciale che collega Copertino a Galatina, all’altezza della zona industriale del primo comune. Vittima una 32enne che si trovava a bordo di una Alfa 159 che si è scontrata con il pesante mezzo agricolo. Sul posto 118, vigili del fuoco e carabinieri

COPERTINO - Un improvviso e terribile schianto in serata: un’auto, un’Alfa Romeo 159 station wagon, con a bordo una giovane coppia, si è scontrata con un pesante mezzo agricolo, una trebbiatrice, e il bilancio dell’incidente è purtroppo molto grave.

Nell’impatto è deceduta una donna di 32 anni, Chiara Durante, di Copertino, mentre il marito 39enne che era alla guida e con lei in macchina, ha riportato ferite ed è stato trasportato d’urgenza, in codice rosso, presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, ma non corre rischi per la vita.

È questo quanto appreso finora sul sinistro stradale che si è verificato poco dopo le 21 lungo la strada provinciale che collega Copertino a Galatina, all’altezza della zona industriale del primo comune. Ancora poco chiare le cause che hanno determinato lo scontro tra i veicoli. Ad avere la peggio, ovviamente, la vettura completamente accartocciata nella parte anteriore.

Le immagini del drammatico incidente

Sul posto sono giunte due ambulanze del servizio di emergenza del 118, i vigili del fuoco del distaccamento di Veglie che hanno estratto i corpi dalle lamiere. E anche le pattuglie dei carabinieri della compagnia di Gallipoli e della tenenza di Copertino per i rilievi. Il giovane alla guida della trebbiatrice, un 24enne copertinese, è rimasto sostanzialmente illeso, anche se è stato visitato per precauzione presso l'ospedale di Copertino. I mezzi sono stati sequestrati e sono stati richiesti i test di rito. La salma della donna è stata trasferita presso la camera mortuaria del "Vito Fazzi" (v.c., emi.fa).

Aggiornamento

Il marito della donna, dopo gli esami, è stato trovato positivo alla cannabis. Il che potrebbe comportare un aggravamento della posizione, ma non essere del tutto rilevante. A livello di metabolismo, infatti, è noto come la cannabis venga assorbita molto più lentamente rispetto ad altre sostanze. Quindi, se uso fosse stato fatto, potrebbe risalire anche a diversi giorni addietro (emi.fa). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terribile scontro in serata tra auto e trebbiatrice: muore una donna, marito grave in ospedale

LeccePrima è in caricamento