Incidenti stradali

Tragico schianto alle porte di Castrì, 29enne indagato per omicidio colposo

La Procura di Lecce ha aperto un fascicolo e disposto accertamenti sul conducente dell'auto. Domani l'autopsia del 22enne

LECCE – Sarà l’inchiesta della Procura di Lecce a stabilire se vi siano responsabilità nell’incidente stradale costato la vita a un ragazzo di 22 anni, Francesco Pio Conte, di San Donato di Lecce, e una ragazza di 24, Serena Ingrosso, di Galugnano (frazione di San Donato). Il magistrato di turno ha iscritto nel registro degli indagati il nome del conducente dell’auto, un’Alfa 159, si è scontrata con la Mini One su cui viaggiavano le vittime. Si tratta di un 29enne di Vernole, G.R., accusato di omicidio colposo plurimo. Bisognerà stabilire se l’indagato abbia assunto sostanze stupefacenti nelle ore precedenti al tragico incidente. Saranno gli esami clinici ad accertare questa ipotesi.

Domani il medico legale Ermenegildo Colosimo eseguirà l’autopsia sul corpo di Francesco Conte. Un atto dovuto nell’ambito dell’inchiesta, poi il corpo sarà restituito alla famiglia per le esequie. Si sono già svolti, invece, i funerali di Serena Ingrosso, in una Galugnano che si è stratta attorno al dolore della famiglia e di una giovane vita spezzata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragico schianto alle porte di Castrì, 29enne indagato per omicidio colposo

LeccePrima è in caricamento