Giovedì, 17 Giugno 2021
Incidenti stradali Via Filippo Briganti

Tragico scontro in moto: giovane muore sul colpo, ragazza in condizioni critiche

Terribile il bilancio di un sinistro avvenuto questa sera lungo la strada provinciale che collega Tuglie a Parabita. I due si trovavano a bordo di una motocicletta che si è scontrata, per cause in fase d'accertamento, con un'autovettura. Sul posto sanitari del 118 e carabinieri

Foto di Giorgio Tamborrini.

TUGLIE – Ancora sangue sulle strade, ancora morti e feriti in quello che è ormai diventato uno stillicidio, con un’incidenza che tende a salire con l’allungarsi delle giornate, nella bella stagione in arrivo, che implica anche più traffico sulle strade.

E’ terribile il bilancio di un sinistro stradale avvenuto questa sera intorno alle 20 nel Salento. Lungo la strada provinciale 51 che collega Parabita a Tuglie, in territorio di quest’ultimo comune, due giovani che viaggiavano a bordo di una moto sono andati a collidere contro un’autovettura. Il conducente, Francesco Cosimo Marsano, 26enne di Matino, è morto sul colpo. La ragazza che era alle sue spalle, Erica Casto, 18enne di Parabita, è in rianimazione a Lecce. E ora combatte per la sua vita, perché vi è giunta in condizioni critiche.

Lo scontro è stato micidiale, tale da coinvolgere ben due autovetture. E i ragazzi bordo della motocicletta, dopo due impatti consecutivi, prima contro una Fiat Croma, poi addosso a una Toyota Yaris, sono stati proiettati con violenza sull’asfalto. Purtroppo, per Marsano, non c’è stato davvero nulla da fare. I sanitari del 118, giunti sul posto a bordo di più ambulanze, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

La 18enne che si trovava alle sue spalle, invece, respirava ancora, ma le sue condizioni sono apparse subito molto gravi, al punto che un mezzo di primo soccorso è ripartito a sirene spiegate verso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce in codice rosso. Per i rilievi si sono recati i carabinieri della stazione di Sannicola, dipendenti dalla compagnia di Gallipoli.

Gli accertamenti eseguiti dai militari non sono stati semplici. Al momento la dinamica, ricostruita sia con rilievi fotografici, sia con l’importante testimonianza dei presenti, sembrerebbe suggerire che Marsano, alla guida dei una moto Suzuki Sx 1000 e con la ragazza seduta dietro, stesse superando alcune autovetture che lo procedevano.

Giunti i due all’altezza di via Briganti (quindi alla prima periferia di Tuglie, proprio dov’era diretta la moto), la moto è andata a collidere addosso a una Fiat Croma condotta da un pensionato del posto di 67 anni che, provenendo dal senso di marcia opposto, si apprestava a svoltare verso sinistra.

Dopo questo primo impatto, la Suzuki è andata a finire contro un’altra autovettura che sopraggiungeva in quel momento dietro alla Croma, una Toyota Yaris sulla quale si trovavano due sorelle di 30 e 26 anni di Parabita. Sia il pensionato, sia le due sorelle sono rimasti illesi. Il cadavere del giovane è stato trasportato nella camera mortuaria del “Vito Fazzi” a disposizione dell’autorità giudiziaria. I veicoli sono stati sottoposti a sequestro. E ora che purtroppo per il 26enne non c'è niente da fare, sono ore di ansia e trepidazione per le sorti di Erica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragico scontro in moto: giovane muore sul colpo, ragazza in condizioni critiche

LeccePrima è in caricamento