Tampona un autoarticolato, donna di 57 anni muore intrappolata

La tragedia questa mattina all'uscita di Trepuzzi, in direzione di Squinzano. Nulla da fare per la vittima. Le ricostruzioni affidate alla polizia locale. In supporto, i carabinieri

TREPUZZI – Inutile è stato, purtroppo, l’intervento dei soccorritori del 118. Al loro arrivo in ambulanza, per Marta Santi, 57enne di Trepuzzi, non c’era più nulla da fare. Era ormai spirata fra le lamiere della sua Fiat Panda. Fatale s’è rivelato il tamponamento avvenuto questa mattina all’uscita del suo paese. Viaggiava in direzione di Squinzano quando s’è trovata davanti a un grosso autoarticolato di una ditta specializzata in trasporti industriali ed eccezionali.

Le cause da stabilire

Cosa sia successo realmente, perché l’autovettura sia finita praticamente dritta contro il cassone del tir, con il cofano conficcato al di sotto, lo stabiliranno i rilievi, affidati agli agenti di polizia locale di Trepuzzi. Forse il conducente del mezzo pesante, rimasto illeso, ha avuto all’improvviso la necessità di rallentare la marcia, se non di frenare.

Video | I rilievi sul luogo dell'incidente

C'è anche la possibilità che la donna sia stata colta da un malore. O magari, ancora, che abbia tentato un sorpasso, salvo dover rientrare all'improvviso in corsia per l'arrivo di qualche veicolo di fronte, non riuscendo però a scansare il tir. Diverse possono essere le ipotesi. L'unica certezza, per ora, sono gli effetti dell'impatto: rimasta intrappolata nel veicolo, è morta in pochi istanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Era separata e senza figli

Sul posto sono intervenuti, oltre agli agenti di polizia locale, anche i carabinieri per regolare il traffico sull'arteria, un lungo rettilineo a due corsie che collega i due importanti centri del nord Salento. La salma della vittima sarà condotta presso la camera mortuaria dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. La donna, separata e senza figli, era stata cuoca presso il cantiere di Cerano. Nel sinistro, non sono rimasti coinvolti altri automobilisti. Si stanno raccogliendo testimonianze per cercare di dare una ricostruzione definitiva alla tragedia. I mezzi coinvolti, come da prassi, sono finiti sotto sequestro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

  • Covid-19, balzo al 6,5 per cento dei nuovi infetti: sono 350 in Puglia

  • In centinaia ne “La Fabbrica”, piomba la polizia: locale chiuso cinque giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento