Cronaca

Incidenti a catena: tir ribaltato, due auto sui rondò

Una 21enne di Ugento grave dopo che un'Alfa è finita su un rotatoria a Torre Mozza. Sulla Lecce-San Cataldo, quattro baresi si schiantano sul rondò. Nociglia: camion rovesciato, feriti e terrore

NOCIGLIA_3

LECCE - Giornate funeste, sulle strade del Salento. Il traffico è in aumento su tutte le vie, per il Ferragosto, e cresce in maniera esponenziale anche il rischio di incidenti causati da diversi fattori, che vanno dal possibile colpo di sonno, pericolo sempre in agguato, all'alta velocità in tratti in cui sarebbe richiesta maggiore prudenza. Diversi quelli registrati, a partire dalla notte appena trascorsa, con una ragazza in prognosi riservata, dopo un tremendo scontro su un rondò a Torre Mozza, quattro giovani baresi usciti miracolosamente illesi da una Fiat 500 ribaltatasi ad un'altra rotatoria, quella della statale Lecce-San Cataldoed un tir rovesciatosi all'alba di oggi sulla statale 275 Maglie-Leuca.

Due auto sul rondò, una 21enne grave al "Vito Fazzi"
Il primo episodio, come detto, è avvenuto a Torre Mozza, marina di Ugento, quando ancora doveva sorgere il sole. Ad avere la peggio, una ragazza di 21 anni ugentina, Sara Pierri, ricoverata in rianimazione all'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. La prognosi è riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita. La ragazza era una dei due passeggeri di un'auto condotta da un terzo giovane che, per cause in fase d'accertamento, ha improvvisamente perso il controllo del mezzo all'altezza di un rondò.

L'auto, un'Alfa Romeo Mito, ha fatto un volo, finendo proprio al centro dell'area, sulla quale sorgono diversi lampioni dell'illuminazione elettrica e una statua. Saranno i rilievi dei carabinieri della stazione di Ugento a cercare di fare luce sui motivi che hanno provocato l'incidente. Di certo c'è, al momento, che non sono stati coinvolti altri veicoli. L'Alfa proveniva da Torre San Giovanni, seguendo la strada provinciale 91, al termine della quale sorge una rotatoria che smista il traffico verso altre due provinciali e in direzione di Felline e della statale Gallipoli-Leuca.

Sembra che l'auto, una volta trovatasi di fronte al rondò, sia andata dritta, saltando letteralmente il cordolo, e schiantandosi proprio al centro. Sul posto, i sanitari del 118, che hanno provveduto a medicare i feriti. Piuttosto gravi, però, sono apparse le condizioni di Sara Pierri, per la quale è stato disposto il trasferimento al nosocomio di Lecce.

Non hanno invece riportato ferite gravi, quattro giovani turisti di Bari (due ragazzi e due ragazze) che viaggiavano questa notte sulla statale che collega la marina leccese di San Cataldo al capoluogo. I giovani si trovavano a bordo di una Fiat 500 (modello nuovo) che, per cause in fase d'accertamento, ha tagliato male la rotatoria che sorge in prossimità del rione San Sabino. Sono dovuti intervenire i vigili del fuoco per estrarli dalle lamiere.

Tir si ribalta, panico e feriti sulla 275
Risale, invece, all'alba di oggi un terzo incidente, dalla dinamica spettacolare, e che ha coinvolto un tir, un furgone e tre veicoli, producendo una coda infinita e inevitabili disagi. Il traffico è letteralmente impazzito, a partire dalle 6 del mattino, e in tarda mattinata gli operatori erano ancora al lavoro per cercare di sbloccare la situazione, a causa di un incidente che, anche in questo caso per puro miracolo, non ha provocato gravi vittime; tuttavia, un'intera famiglia (padre, madre e due bambini) è stata condotta in ospedale, a Scorrano, per accertamenti. Al lavoro, sono i carabinieri della compagnia di Maglie, gli operatori del 118 e i vigili del fuoco.


Secondo i primi accertamenti svolti sul posto, all'altezza dell'uscita per Nociglia, il grosso camion, che trasportava legname, si sarebbe visto improvvisamente davanti un furgone, condotto da un extracomunitario. Quest'ultimo, che procedeva probabilmente a velocità sostenuta, avrebbe improvvisamente invaso la corsia di marcia opposta, mettendo apprensione al guidatore del mezzo pesante, che per evitare l'impatto ha controsterzato, al punto tale che il camion s'è rovesciato, riversando per strada il suo carico. Altri veicoli, fra cui quello in cui viaggiava la famiglia, e che procedevano alle spalle, sono così rimasti coinvolti in una catena di tamponamenti. Considerato il tipo di incidente, si può dire che s'è sfiorata ancora una volta una strage.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti a catena: tir ribaltato, due auto sui rondò

LeccePrima è in caricamento