rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca

Multe annullate e biglietti gratis per eventi: anche politici tra i 46 indagati, due vigilesse interdette dai pubblici uffici

L’indagine, condotta dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria di Lecce, è partita da una serie di condotte sospette da parte di quattro dipendenti tra polizia locale, polizia provinciale e Lupiae Servizi. Un presunto sistema di benefici e favori nei confronti di amici e conoscenti, anche utile ai fini del consenso elettorale

LECCE – Era nell'aria. I benefici ottenuti sarebbero andati dai ticket per eventi e concerti, fino ai biglietti gratis per le giostre, passando per gli addobbi per matrimoni e servizi di trasloco. Questi i regali in cambio dell’annullamento delle multe in città, con la duplice utilità di rafforzare il consenso elettorale. L’inchiesta è deflagrata nella mattinata di oggi: per due dipendenti della polizia locale di Lecce, Luisa Fracasso di 50 anni e Loredana Valletta di 58, entrambe del capoluogo, disposta l’interdizione dai pubblici uffici su disposizione della gip del Tribunale leccese Silvia Saracino e su richiesta del pubblico ministero Alessandro Prontera. Tra i 46 indagati spuntano anche i nomi di politici e amministratori. 

L’indagine, che si innesta sull'altra del mese di settembre del 2019, è stata condotta dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria: ha portato all’esecuzione del provvedimento cautelare di interdizione dai pubblici uffici, emesso dal gip del Tribunale di Lecce nei confronti di due funzionarie. A queste ultime sono contestati i reati di associazione per delinquere, corruzione, accesso abusivo alle banche dati, falso e soppressione di atti pubblici.

L’attività investigativa era stata avviata analizzando la condotta delle due dipendenti del comando di via Rossini, fino alla disposizione della misura odierna. Oltre alle due operatrici della polizia locale, nel mirino delle fiamme gialle sono finiti anche i comportamenti di un dipendente della società a totale partecipazione pubblica della Lupiae Servizi e di uno della polizia provinciale: anche per loro l’accusa è quella di aver annullato o archiviato i verbali delle violazioni al Codice della strada commesse da parte di automobilisti amici e conoscenti. Oltre 500 i casi analizzati e 46 le persone coinvolte nell’attività di polizia giudiziaria.

Nel corso degli approfondimenti investigativi, coordinati dalla Procura della Repubblica di Lecce, sono state utilizzate le intercettazioni telefoniche e ambientali. Accertamenti tecnici che hanno consentito ai finanzieri di appurare la presunta responsabilità anche di alcuni funzionari della pubblica amministrazione (che non sono tuttavia destinatari di misure cautelari) ed ex politici: tra questi spiccano i nomi di Antonio Finamore di 68 anni e Luca Pasqualini di 53, rispettivamente consigliere comunale di minoranza (all'opposizione anche nel momento dell'avvio delle indagini) e capogruppo di "Andare oltre-Prima Lecce" ed ex assessore con delega alla Mobilità nella giunta Perrone.

Oltre alle sovrintendenti Luisa Fracasso e Loredana Valletta, all'epoca dei fatti rispettivamente presso Ufficio verbali e Ufficio ricorsi della polizia locale, e ai politici Finamore e Pasqualini, fra gli indagati principali risultano anche Piervitale Frassanito, 61enne di Maglie (in qualità di maresciallo dell'Ufficio verbali della polizia provinciale), Carlo Corvino, 48enne di Lizzanello (impiegato civile, addetto all'Ufficio verbali della polizia locale) e Francesca Vallone, 56enne di Lecce (dipendente della Lupiae Servizi, in servizio presso l'Ufficio traffico e mobilità).   

Nell'inchiesta di cinque anni addietro, che traeva in realtà origine da condotte illecite registrate a partire dal 2012, la lente di ingrandimento della guardia di finanza si concentrò su alcuni meccanismi sospetti nella gestione dell’Ufficio verbali del comando di viale Rossini, dell’Ufficio ricorsi al giudice di pace dello stesso comando di polizia locale e, infine, di quello Traffico e mobilità del municipio leccese.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe annullate e biglietti gratis per eventi: anche politici tra i 46 indagati, due vigilesse interdette dai pubblici uffici

LeccePrima è in caricamento