menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Presunta truffa con i fondi ottenuti per la “Danza delle spade”: quattro indagati

Dopo il sequestro del 2018, nei confronti dei beni dell’ex assessore provinciale ruffanese, nuovo capitolo giudiziario relativo alla fondazione Notte di San Rocco di Torrepaduli

LECCE – Quattro gli indagati, oltre alla fondazione “Notte di San Rocco di Torrepaduli”, nell’ambito dell’inchiesta su una presunta truffa aggravata e abuso d’ufficio. Queste le accuse mosse, a vario titolo, nei confronti di Maria Ester Cardigliano, 43enne ruffanese; l’ex assessore provinciale Pasquale Luigi Gaetani, concittadino 62enne; Cesare Vernaleone, 58enne leccese e Anna Tommasina Viva, 55enne di Ruffano e, infine, la stessa fondazione nella persona del presidente.

L’avviso, a firma del pm presso la Procura della Repubblica di Lecce Francesca Miglietta, giunge dopo diversi mesi dall’avvio di un’indagine eseguita dai militari della guardia di finanza. L’ultima accusa, quella di truffa aggravata, fa riferimento a denaro ottenuto dal Consorzio universitario interprovinciale, per poter dar vita all’edizione del 2016 della manifestazione.

A fine giugno del 2018, infatti, il sequestro per equivalente di beni per 155mila euro intestati a Gaetani, in una prima fase investigativa. Le accuse mosse a due degli indagati della  fondazione, nota per l’organizzazione della tradizionale “Danza delle spade” nel mese di agosto, riguardavano un finanziamento di circa 50mila euro, ottenuto dalla Provincia di Lecce pur senza averne diritto. Idem per altre due tranche di finanziamento, ottenute nei due anni successivi dall’amministrazione ruffanese. Anche in quelle occasioni fondi  che, secondo la magistratura, sarebbero stati ottenuti con fatture falsificate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento