Tragico incidente nel cantiere, indagato il fratello dell'operaio morto

Antonio Miccoli, parente della vittima dell’episodio di due giorni addietro, e capo della ditta che stava eseguendo i lavori in un’abitazione di Porto Cesareo, è stato iscritto nel registro degli indagati. Il braccio di un gru si è staccato, travolgendo il dipendente, senza lasciargli scampo

Il luogo della tragica fatalità

LECCE – C’è un primo nome iscritto nel registro degli indagati per la morte di Piero Miccoli, l’operaio 47enne nativo di Mesagne ma residente a Torre Santa Susanna, deceduto in un cantiere edile, manovrando una gru, mentre si trovava all’opera per la ditta edile di proprietà del fratello. Ed è proprio quest’ultimo, Antonio Miccoli, a essere indagato. Il terribile incidente sul lavoro è avvenuto intorno a mezzogiorno del 22 ottobre, all’interno di una residenza privata in costruzione in provincia di Lecce.

L’immobile sorge in una traversa della strada provinciale Torre Lapillo-Punta Prosciutto, non lontano dal noto lido Samanà. Fatale per Miccoli è stata la rottura, di netto, di un braccio meccanico. La pala, montata su di un camion, precipitando ormai senza alcuna possibilità di controllo, ha finito per schiacciare l’uomo, ai comandi sul sedile. La squadra di operai, che come detto fa capo alla ditta del fratello della vittima, era all’opera fin dalle prime luci del giorno. All’improvviso, però, quell’incidente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto, per gli accertamenti, sono giunti i carabinieri della stazione di Porto Cesareo, dipendenti dalla compagnia di Campi Salentina, oltre agli ispettori dello Spesal, che dovranno svolgere tutte le verifiche sulle condizioni di sicurezza nel cantiere. Il fascicolo, inizialmente assegnato al magistrato di turno, il sostituto procuratore Stefania Mininni, è passato alla collega Paola Guglielmi. Dai primi accertamenti sarebbe emerso che il cantiere in cui ha perso la vita l’operaio 47enne era abusivo. Il comune di Porto Cesareo, infatti, non avrebbe mai autorizzatolo svolgimento dei lavori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento