Cronaca via per Felline

“Diavolina” sulle auto di una coppia: dopo 24 ore nuovo incendio nel basso Salento

Altro episodio tra Torre San Giovanni e Felline: in fiamme le vetture di un agente di commercio e di una impiegata presso l'aeroporto

Foto di repertorio

TORRE SAN GIOVANNI (Ugento) – Appena 24 ore dagli altri due episodi -  a Torre San Giovanni e Taurisano - e tornano, puntuali, le fiamme. Ancora un incendio, infatti, nel basso Salento. Malviventi, una decina di minuti dopo la mezzanotte, hanno appiccato il rogo nuovamente nei pressi della marina ugentina, dove il giorno prima era stata incendiata la Bmw di un avvocato. Ad essere colpita, questa volta, una famiglia che risiede in una masseria, sulla strada provinciale che collega Felline al litorale ionico.

Due vetture, intestate a marito e moglie, sono state letteralmente distrutte da individui che, per agire, hanno utilizzato la cosiddetta “diavolina”, un preparato per accendere il fuoco. I veicoli, un’Audi A3 e una Fiat 500, sono intestati rispettivamente a un agente di commercio, e alla coniuge, una impiegata amministrativa presso l’aeroporto di Galatina, entrambi incensurati. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco del distaccamento di Ugento, anche gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano. Al termine delle operazioni di spegnimento, i pompieri hanno eseguito un sopralluogo, per poi rinvenire tracce di carburante attorno alle vetture colpite.

Segni inequivocabili del messaggio, e del passaggio, di qualcuno. Gli uomini coordinati dal vicequestore aggiunto Salvatore Federico hanno avviato immediati accertamenti per fare luce sull’ennesimo episodio avvenuto in zona. Sono al vaglio degli inquirenti tutte le informazioni e i dettagli forniti dalle vittime del gesto, che potrebbero indicare la pista da seguire. Il contesto professionale appare poco plausibile, e per il momento, non sembra avere i riflettori investigativi puntati. Si cercherà di ricostruire i recenti contatti della coppia, per stabilire chi abbia voluto lanciare un avvertimento simile a una famiglia tranquilla.

La notte precedente, peraltro, i pompieri sono intervenuti poco distante: non soltanto nella marina ugentina, dove era andata in fumo la Bmw del professionista, ma anche a Taurisano. In quest’ultimo episodio, infatti, ignoti hanno voluto lanciare un messaggio a una donna di 44 anni: le hanno incendiato l’auto, ma le fiamme si sono poi propagate anche a quelle di due vicini di casa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Diavolina” sulle auto di una coppia: dopo 24 ore nuovo incendio nel basso Salento

LeccePrima è in caricamento