Rifiuti tombati, Procura manda task force a Supersano per controllare terreni e impianto

Ancora campionamenti, nelle campagne di Supersano, per verificare l'eventuale presenza di materiali nocivi. Sul posto, finanzieri del Roan, carabinieri del Noe, Corpo forestale e vigili del fuoco. Sono stati controllati terreni e un impianto industriale, ma al momento la ricerca ha dato esito negativo

Foto di archvio (@TM News/Infophoto)

SUPERSANO -  Semmai dovessero essercene, da qualche parte, loro li staneranno. Quanto meno, nel corso della mattinata, i controlli per verificare l’eventuale presenza di rifiuti hanno dato esito negativo. La task force coordinata dal procuratore aggiunto della Repubblica di Lecce, Ennio Cillo, è infatti tornata nelle campagne di Supersano, munita di due sofisticati dispositivi per effettuare i sopralluoghi.

Le verifiche sono state eseguite sia su alcuni terreni, non molto distante da quelli già balzati agli onori delle cronache nei mesi addietro, e un impianto industriale di piccole dimensioni della zona. Al sopralluogo hanno partecipato i finanzieri del Reparto operativo e navale di Bari, i carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce, i vigili del fuoco del comando provinciale gli agenti del Corpo forestale dello Stato.

Ai monitoraggi hanno inoltre preso parte anche alcuni ricercatori del Cnr e il personale di Arpa Puglia, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. Mentre nelle scorse settimane si era proceduto con le ricognizioni aeree, basate su sensori termici e iperspettrali (così come avvenuto un paio di settimane addietro anche nelle campagne di Patù), in questa occasione gli inquirenti hanno agito “via terra”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Muniti di un georadar e di un geomagnetometro, i militari hanno proceduto con le verifiche sia dei fondi privati della zona sia, poco distante, nei pressi di uno stabilimento, per accertare il corretto ciclo di smaltimento dei rifiuti. I dati forniti dalla strumentazione sono stati elaborati dai ricercatori e non hanno evidenziato alcuna anomalia sui terreni. Nessuna traccia di materiale ferroso, né altre sostanze che possano destare allarme dal punto di vista ambientale. Oltre a futurii controlli nello stabilimento già verificato, l’attività investigativa proseguirà in altri siti del Salento che saranno passati al setaccio dagli inquirenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Puglia, sono 23 i nuovi positivi al coronavirus registrati in un giorno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento