Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Guagnano

Insegnante a scuola, ignoti sfondano i vetri della sua auto: mistero

E' successo a San Pietro Vernotico, questa mattina, nei pressi dell'istituto per l'infanzia ed elementare "De Gasperi". E' stato un passante ad accorgersi del danneggiamento. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. La donna, che è di Guagnano, si trovava in classe

Foto da Brindisireport.

SAN PIETRO VERNOTICO – Brutto gesto, ancora da inquadrare con precisione e per il quale sono al lavoro dei carabinieri. Nel mirino di soggetti per ora ignoti è finita una donna di Guagnano, insegnante a a San Pietro Vernotico.

Qualcuno, infatti, mentre lei era nell’edificio con i bambini, l’istituto scolastico “De Gasperi” del comune brindisino, che ospita materna e classi elementari, ha distrutto i vetri del lato sinistro della sua auto (anteriore e posteriore, quelli sporgenti sulla via). E’ stato un passante ad accorgersi di quanto avvenuto. L’auto, una Tata Indica, era parcheggiata proprio davanti alla scuola. L’uomo ha avvisato il personale di servizio, che subito ha rintracciato la proprietaria. Era in aula, ignara di tutto.

Sul luogo è intervenuta poco dopo una pattuglia dei carabinieri. Sembra che sia stata usata la classica candela da motociclo in ceramica, visto che alcuni frammenti sarebbero stati ritrovati sull’asfalto. Le ipotesi sono varie, ma sembra fin da subito che possa escludersi il tentativo di furto. d’altro canto, non sono state trovate manomissioni, né avrebbe avuto senso infrangere entrambi i finestrini. Allo stesso modo, considerando la carrozzeria intatta, difficile anche credere a un incidente con un’auto fuggita.

I militari hanno ascoltato sul posto l’insegnante, che sporgerà denuncia contro ignoti nelle prossime ore. Al momento non è chiaro, dunque, se sia stato un gesto vandalico fine a se stesso o mirato, per questioni personali o attinenti l’attività lavorativa.

Da Brindisireport.it 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insegnante a scuola, ignoti sfondano i vetri della sua auto: mistero

LeccePrima è in caricamento