Cronaca Via Cesare Abba

Spericolato inseguimento in città: è tornata la "banda dell'Audi"

L'auto risulta rubata a Trani. Potrebbero essere gli stessi già entrati in azione in provincia. I poliziotti li hanno sorpresi mentre scavalcavano il cancello di una villetta. Tallonati da cinque pattuglie fin sulla tangenziale

Foto LeccePrima (tutti i diritti riservati).

 

LECCE – Non erano ancora le 20, quando le sirene delle volanti di polizia hanno squarciato l’aria, facendo scattare un tallonamento a rotta di collo, alla periferia della città. Dietro ad una potente Audi A8, 3mila di cilindrata, vi finiranno ben cinque pattuglie, che riusciranno a starle dietro, fin quando non imboccherà a velocità smodata un’uscita della tangenziale.

C’è da credere che la “banda dell’Audi”, abbia scelto un orario specifico, per entrare in azione, a cavallo del cambio di turno. Ma il servizio di pattugliamento per le vie di Lecce, in questi giorni, a ridosso del maxi-blitz, a seguito del  quale vi sono ancora diversi latitanti, è stato rafforzato, e in pochi minuti una volante è arrivata in via Cesare Abba (e non via Adda, come avevamo scritto in precedenza, Ndr), zona Settelacquare, dopo una segnalazione anonima al 113, cogliendo sul fatto due individui mentre scavalcavano il cancello di una villetta, per infilarsi nell’Audi e ripartire a razzo.

I due devono aver intuito subito che gli agenti li avevano puntati. Colti sul fatto, certo, ma ancora abbastanza distanti da poter spalancare gli sportelli, ingranare la marcia e dileguarsi, prima di ritrovarsi la via bloccata.  

Facile immaginare le loro intenzioni, e cioè che stessero tentando un furto all’interno dell’abitazione. I proprietari, a quell’ora, non erano ancora rientrati. Via Abba, dove sorge il mercato rionale, di sera è scura e poco frequentata, e tuttavia, i malviventi hanno sfidato un po’ troppo la sorte, agendo in un orario in cui vi sono ancora molti occhi indiscreti, fra le vie e dietro le finestre.  E dunque, alcuni movimenti non devono essere sfuggiti a qualcuno, che ha subito alzato la cornetta e chiamato la centrale operativa della questura.

L’inseguimento s’è protratto a lungo; la volante che per prima ha intercettato l’Audi A8 è riuscita a starle alle spalle per un tratto, chiamando i rinforzi via radio. In breve, altre quattro pattuglie hanno azionato sirene e lampeggianti, unendosi ai colleghi nell’inseguimento, per tentare di ostacolare i banditi, cercando di intuire in poche frazioni di secondo le possibili vie di fuga. Ma quando l'auto, modello di colore grigio, ha imboccato via del Mare e, da qui, la tangenziale che volge in direzione di Leuca, i fuggitivi hanno trovato campo aperto per accelerare e riuscire a seminare le pattuglie, svoltando all’improvviso in direzione di uno degli svincoli.

I poliziotti sono comunque riusciti a segnare la targa. L’auto risulta rubata a Trani, questa mattina. E provenienza e tipo di veicolo, lasciano presagire l’ipotesi più che plausibile che si possa trattare degli stessi banditi già entrati in azione nei giorni scorsi in provincia, uno dei quali, il 30enne Antonio Marzocca, barese, è però finito in manette. Non si esclude, inoltre, che possano essere gli stessi che nel tardo pomeriggio, prima che arrivasse la segnalazione, hanno svaligiato due appartamenti di via Francesco Storella, sempre nel quartiere Stadio. La caccia all’uomo, dunque, è ancora aperta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spericolato inseguimento in città: è tornata la "banda dell'Audi"

LeccePrima è in caricamento