Intercettato veliero al largo di Leuca: a bordo 63 migranti. Scafisti presi

Lo sbarco avvenuto questa sera, attorno alle 20, nel porto. Il natante, di 13 metri, scoperto dalla guardia di finanza

SANTA MARIA DI LEUCA – Il veliero battente bandiera turca, lungo circa 13 metri, con lo scafo in parte inabissato per il peso del suo carico umano, si trovava al largo di Santa Maria di Leuca, quando è stato intercettato da un pattugliatore della guardia di finanza della Sezione navale di Gallipoli. Per la precisione, è stato scoperto in navigazione a circa 11 miglia dalla costa salentina, dov’era previsto l’approdo, in qualche punto nascosto della costa. I finanzieri, così, dopo aver abbordato la barca, ne hanno preso il comando e si sono diretti alla volta del porto di Leuca.

Sono 63 i nuovi migranti approdati sulle coste salentine in queste ore. Tutti maschi, presumibilmente pachistani, si sommano ai 65 giunti il 22 settembre scorso a Gallipoli. Sono già stati individuati, peraltro, anche i due presunti scafisti, di nazionalità kazaka (non russa, come riporato in prima istanza, ndr), per i quali, una volta avuta ogni certezza, scatterà l’arresto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Fra i migranti, come in altre circostanze, molti anche i minori. Ben 21, di cui 19 senza accompagnamento e quindi solo due insieme a parenti.

WhatsApp Image 2020-09-28 at 20.00.07-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrivo in porto è avvenuto attorno alle 20 di sera. Sul posto, per i primi soccorsi, sono intervenuti il medico dell’Usmaf e gli operatori della Croce rossa italiana. Per i migranti, previsto l’accompagnamento presso il centro di prima accoglienza Don Tonino Bello di Otranto. Qui avverranno anche le successive operazioni, il rilievo di eventuali infetti da Covid-19 e l’identificazione. Prosegue senza sosta, dunque, persino nonostante la pandemia, l’arrivo di migranti provenienti dal Vicino Oriente sulle coste salentine. Un fenomeno costante, che si verifica ormai da anni senza alcun reale cenno di sosta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento