Devastano sartoria del presidente comitato festa, lasciano manette nell'acquario

Un grave gesto intimidatorio nella notte tra lunedì e martedì ai danni dell’immobile di Antonio Paiano, a Ruffano

La compagnia dei carabinieri di Casarano

RUFFANO – Un furto, o forse un attacco intimidatorio, nell’azienda e nell’appartamento di Antonio Paiano, presidente del Comitato festa di San Rocco di Torrepaduli. Nella notte a cavallo tra lunedì e martedì, infatti, qualcuno si è introdotto nello stabile di tre piani, approfittando dell’assenza del malcapitato e della sua famiglia, impegnati con l’organizzazione della celebre festa nella frazione di Ruffano. Ignoti hanno dunque colpito l’edificio che ospita sia la sartoria della vittima, sia un appartamento. Una volta all’interno, hanno devastato tutto. Mobili, oggetti, quadri. Il danno complessivo è ancora in fase di quantificazione, ma si parla di cifre notevoli. Prima di andare via, lasciando gli ambienti a soqquadro, hanno anche inserito un paio di manette all’interno di un acquario situato negli uffici della ditta di famiglia. Ma si tratterebbe, in realtà, di un oggetto scherzoso appartenente alla famiglia della figlia di Paiano. Il gesto da parte dei malviventi ha tuttavia fatto riflettere.

Scoperto l’accaduto, la vittima si è immediatamente rivolta ai carabinieri della stazione di Ruffano per denunciare l’accaduto. I militari dell'Arma della compagnia di Casarano stanno oraindagando sull'accaduto. ancora non è dato sapere se dall'immobile siano anche stati asportati oggetti o documenti. Al momento, mancherebbero all'appello soltanto una somma di 250 euro e un pc rubato dall'ufficio del figlio di Paiano.  “Per scelta non abbiamo voluto turbare la serenità di una festa che merita di essere vissuta a pieno da pellegrini e turisti che ogni anno dal 15 al 17 agosto invadono pacificamente il nostro piccolo borgo, oggi però non è più il momento di tacere”, hanno fatto sapere i portavoce del comitato festa.

“Siamo vicini al nostro presidente ed esprimiamo la nostra piena solidarietà. Quello che è successo a lui è come se fosse successo a tutti noi, condanniamo nel modo più assoluto questo disgustoso episodio, siamo un gruppo di cittadini innamorati del nostro paese e della sua tradizione centenaria che non si piega davanti a dimostrazioni di stampo mafioso. Noi continueremo a lavorare per questa splendida festa conviti, oggi più che mai, di essere sul giusto sentiero che è quello della legalità. Siamo in apprensione per quanto accaduto e per quanto potrebbe ancora accadere, per questo motivo chiediamo un intervento deciso delle autorità ed il prefetto per garantirci serenità e sicurezza”. Messaggi di solidarietà alla famiglia di Paiano sono giunti anche dai portavoce del Comune di Ruffano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quanto accaduto al presidente del comitato Festa San Rocco di Torrepaduli è aberrante, sono vicino alla famiglia di Antonio Paiano per quanto accaduto la notte del 14 agosto. Le dinamiche che questi delinquenti hanno messo in atto nei confronti del presidente e del comitato hanno uno stile inequivocabile. Piena solidarietà nei confronti del presidente da parte dell'intera amministrazione comunale e chiedo l'immediato intervento di S.E. il Prefetto e del presidente della regione Michele Emiliano affinché episodi di questo genere e gravità non tornino a turbare il vivere quotidiano della nostra comunità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento