menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo dell'investimento, in città

Il luogo dell'investimento, in città

Travolge una 47enne su viale Porta d’Europa: rallenta e si volta indietro, ma poi fugge

L'investimento nel pomeriggio, sotto gli occhi di numerosi testimoni. E' caccia allo scooter nero notato sul posto

LECCE  - Le statistiche cominciano, ormai,  a delineare quello del pirata della strada come un vero e proprio fenomeno. Donna travolta su viale Porta d’Europa: lo scooter, con a bordo un uomo, si dilegua nonostante lla malcapitata riversa sull’asfalto. L’ennesima tragedia sfiorata, in città, intorno alle 17,00. Nei pressi dell’hotel “Tiziano”, sul lato dell’arteria principale, vi erano numerosi studenti che attendevano i vari bus di linea. Una coppia stava attraversando la strada, dal piazzale dell’Ex Foro Boario verso la direzione opposta, in un punto in cui non vi sono le strisce pedonali. Dalla loro sinistra è sopraggiunto uno scooter 125, di colore nero, che ha investito  L.P., una 47enne di Latiano, in provincia di Brindisi.

La malcapitata, davanti agli occhi atterriti del coniuge, è stata sbalzata sul manto stradale,  poi soccorsa immediatamente anche dai numerosi passanti che, a quell’ora di punta, hanno assistito alla scena. Raggiunta anche dagli operatori del 118, la 47enne è stata accompagnata in codice giallo presso il pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Una volta giunta, e sottoposta a tutti gli accertamenti medici per scongiurare lesioni interne agli organi, le sono state diagnosticate un paio di fratture, a tibia e perone, che non sarebbero tuttavia giudicate molto gravi. Sul luogo dell’accaduto, intanto, sono giunti gli agenti della sezione di Infortunistica stradale della polizia locale leccese. 

Il personale di viale Rossini ha ascoltato i presenti, e lo stesso marito della ferita, alla ricerca della descrizione e dell’identikit del pirata della strada. Quest’ultimo, secondo alcune testimonianze, avrebbe non solo notato la scena, quindi accorgendosi della donna per terra. Ma, avrebbe rallentato la marcia, torcendo il busto indietro per capire che cosa fosse accaduto dopo l’urto. Per poi andare via, nonostante i lamenti e le urla della donna dolorante. Nel corso delle prossime ore, gli agenti visioneranno le videocamere installate nell’area del City Terminal: lo si potrà fare soltanto domani poiché è necessario attendere il tecnico della società Sgm.

Da quei filmati saranno estrapolati i fotogrammi del passaggio del mezzo a due ruote. Il quale, sempre secondo la versione piuttosto omogenea dei testimoni, potrebbe persino essere ripassato una seconda volta dal luogo dell’investimento. In questo caso, il numero di targa è stato annotato e comunicato alle forze dell’ordine. Ulteriori accertamenti sono dunque in corso per cercare di identificare il pirata, dopo l’ennesimo episodio simile in poche settimane. Soltanto nel mese di aprile, infatti, sono almeno due i fatti abaloghi accertati.

Il primo, andando a ritroso, avvenuto a Gallipoli una ventina di giorni addietro: un ciclista è finito in gravi condizioni, dopo essere stato urtato da una vettura, sul litorale sud della cittadina ionica. Il conducente non si è fermato neppure per accertarsi delle condizioni del ferito, sbalzato di sella. Scena identica, due giorni prima, anche in città. Dove una mattina, una donna alla guida di una moto, è stata travolta da una vettura che usciva dai parcheggi di fornte al Castello Carlo V. Il  - o "la" -  responsabile del sinistro, si è allontanato con la sempre più diffusa, intollerabile noncahlance.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento