Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Investì centauro, condannato a 1 anno e quattro mesi

Il motociclista perse la vita per un terribile incidente stradale avvenuto in via San Giuseppe, una strada perifica di Castrignano. La vittima viaggiava in sella alla sua moto di grossa cilindrata

tribunale_lecce-72

LECCE - E' stato condannato a 1 anno e quattro mesi, a seguito di giudizio con rito abbreviato dinanzi al gup Antonia Martalò, Francesco Spinali, 63enne siciliano, accusato di omicidio colposo per aver provocato la morte di Marco Cordella, il 31enne di Castrignano del Capo deceduto l'11 aprile del 2010.

Il giovane centauro perse la vita a causa di un terribile incidente stradale avvenuto in via San Giuseppe, una strada perifica di Castrignano. Cordella, un giovane ingegnere, viaggiava in sella alla sua moto di grossa cilindrata, una Yamaha, quando fu travolto dalla Mercedes condotta da Spinali, che non aveva rispettato la precedenza.


Per il giovane centauro non ci fu nulla da fare, morì subito dopo il ricovero presso l'ospedale di Tricase, dov'era giunto in gravissime condizioni nonostante indossasse il casco. Il gup ha anche riconosciuto una provvisionale nei confronti dei familiari della vittima, assistiti dall'avvocato Chiara Spagnolo. L'imputato, invece, era difeso dall'avvocato Luca Puce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investì centauro, condannato a 1 anno e quattro mesi

LeccePrima è in caricamento