Investe un ciclista e fugge: un 39enne incastrato da alcune parti dell’auto

Un uomo denunciato per omissione di soccorso e lesioni gravi: ha travolto un 32enne di Cursi, poi ricoverato in prognosi riservata. L’indagine lampo dei carabinieri magliesi

La bicicletta colpita dall'auto.

CURSI – Investe un ciclista e si dilegua: denunciato per omissione di soccorso e lesioni gravi dopo un’indagine lampo. L’episodio a Cursi, nella serata di domenica. I militari dell’Aliquota radiomobile della compagnia di Maglie sono infatti intervenuti sulla provinciale che collega Cursi a Melpignano dove, poco prima, un ciclista di 32 anni era stato urtato da  un’autovettura che viaggiava sullo stesso senso di marcia, il cui conducente si era poi dato alla fuga.

A seguito del sinistro il ciclista, accompagnato presso il pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, è stato riscontrato affetto da politrauma della strada con prognosi riservata e, successivamente, ricoverato presso il reparto di Neurochirurgia. Il mezzo a due ruote è stato sottoposto a sequestro assieme ad alcuni resti dell’auto investitrice. Sono scattate immediatamente le indagini dei militari che, nella giornata della Vigilia, hanno individuato l’autore per poi denunciarlo per omissione di soccorso: si tratta di D.L.G., un 39enne del luogo.auto-12-7

I carabinieri, nel corso dell’attività investigativa, hanno raccolto elementi a carico del 39enne partendo dalla marca del veicolo, individuato grazie ad alcune parti in plastica del mezzo trovate sul luogo dell’incidente. I reperti sequestrati  sono poi risultati essere di un mezzo marca Renault. A seguito delle ricerche la vettura è stata trovata abbandonato a Melpignano e di li si è risaliti al proprietario che è stato deferito in stato di libertà per omissione di soccorso e lesioni gravi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento