Cronaca

Investito da fiammata in officina: gravi le ustioni

Un tunisino di 36 anni ricoverato con ferite di primo e secondo grado sul 60 per cento del corpo. E' rimasto ferito mentre lavorava in un'autofficina di San Donato di Lecce. Ricoverato al "Perrino"

E' stata questione di un attimo: la fiammata lo ha raggiunto addosso, investendolo su buona parte del corpo e procurandogli ferite gravissime. Aziz Barkati, 36enne, originario della Tunisia è ora ricoverato in prognosi riservata all'ospedale "Perrino" di Brindisi con ustioni di primo e secondo grado sul 60 per cento del colpo. Il tragico incidente sul lavoro è avvenuto intorno alle 12,30 di oggi presso l'autodemolizione Euro 2000 che sorge ai margini della provinciale San Donato-Galatina.

L'uomo, che lavora nella ditta come operaio, stava provvedendo alla demolizione di una macchina attraverso un cannello a gas, quando, per cause in fase di accertamento da parte dei carabinieri della compagnia di Lecce, è stato letteralmente investito dalle fiamme. I primi soccorsi, da parte dei suoi colleghi di lavoro, sono stati immediati. Barkati in un primo momento è stato trasportato presso l'ospedale più vicino, quello di Copertino, ma qui i medici, dopo le prime cure, hanno disposto il ricovero d'urgenza presso il reparto grandi ustionati dell'ospedale "Perrino". Le sue condizioni sono gravi: il tunisino è in prognosi riservata. Insieme ai carabinieri, sul posto si sono recati i funzionari dello Spesal, i quali dovranno valutare il rispetto delle norme di sicurezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investito da fiammata in officina: gravi le ustioni

LeccePrima è in caricamento