menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Io sono di Roma” e picchia un ambulante pakistano: arrestato

Nei guai è finito un 33enne di Tivoli ritenuto responsabile dell’aggressione avvenuta nella notte in piazza Sant’Oronzo a Lecce. E' accusato anche di aver offeso e strattonato i carabinieri

LECCE - L’ennesimo episodio di violenza in città si è verificato questa notte nel centro di Lecce.

E’ in piazza Sant’Oronzo che un 33enne di Tivoli (Roma), Daniele Lombardi, avrebbe aggredito per futili motivi un venditore ambulante di nazionalità pakistana, inveendo poi anche contro i carabinieri del Nor – sezione radiomobile, giunti sul posto dopo la segnalazione di alcuni testimoni.

LOMBARDI 2-2-2“Io sono di Roma”, avrebbe urlato il turista prima di malmenare la vittima. Ma non finisce qui perché, come detto, la sua rabbia l’avrebbe sfogata subito dopo contro gli uomini dell’Arma: prima si sarebbe rifiutato di fornire le proprie generalità, poi li avrebbe offesi e minacciati fino a strattonarli per sfuggire al controllo.  

Ma alla fine, per lui, la nottata si è conclusa con l’arresto in carcere, dove dovrà difendersi dalle accuse di minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e lesioni.

E’ ancora in ospedale, invece, (dove è giunto in codice verde) l’ambulante a causa delle contusioni riportate durante la lite.

Sono invece in corso le indagini della polizia per risalire agli altri componenti del gruppo che ieri mattina ha picchiato un 28enne senegalese, provocandogli la rottura di quattro denti.

Riguardo questo episodio, avvenuto in viale dell’Università, inizialmente, era stato individuato e denunciato un solo responsabile, un 21enne pakistano, al quale era stato possibile risalire grazie alle indicazioni fornite dalla vittima.

Ma questa, nelle ore seguenti, avrebbe poi incrociato, proprio sul luogo dell’aggressione, un altro degli assalitori, in compagnia di quello già indagato, e allertato il 113. Agli agenti delle volanti che l’hanno raggiunta, procedendo all’identificazione dei due uomini, la vittima ha raccontato di non conoscerli e di essere all’oscuro delle motivazioni del pestaggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento