Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Squinzano

Irruzione in casa, sorpresi pusher e clienti. Trovata anche contabilità settimanale

Per Nico Falanga, 35enne di Squinzano, un operaio con precedenti specifici, si sono aperte le porte del carcere. I carabinieri della stazione locale lo tenevano d'occhio da diverso tempo. Ieri sera hanno fatto un controllo mirato, quando hanno visto entrar in casa due potenziali "clienti

SQUINZANO – Nella faccenda tutti hanno ammesso i rispettivi ruoli, dal pusher ai “clienti”. Tanto più che il primo, oltre che con la marijuana, è stato trovato anche con la contabilità settimanale. Ed è così che per Nico Falanga, 35enne di Squinzano, un operaio con precedenti specifici, si sono aperte le porte del carcere.

L’arresto, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è avvenuto nella tarda serata di ieri. I carabinieri della stazione di Squinzano tenevano d’occhio i movimenti attorno all’abitazione di Falanga da diversi giorni, da quando, cioè, hanno adocchiato un giro di giovani a loro noti in quanto abituali assuntori.

Il blitz decisivo risale a ieri sera, nel momento in cui – appostati discretamente nei paraggi – i militari hanno visto entrare due individui, peraltro con precedenti penali. Ed è nata l’irruzione.

falanga nico.jpg1-2Subito sono stati trovati 81 grammi di erba, già divisi in ventisei bustine poco più di 3 grammi l'una. Quantitativi minimi sono stati trovati anche addosso ai due visitatori, in seguito segnalati alla Prefettura di Lecce. Il totale dello stupefacente sequestrato è di 87 grammi.

In un secondo momento, come detto sia i due acquirenti, sia il 35enne hanno confermato quanto avvenuto. Impossibile negare l’evidenza. In casa di Falanga i carabinieri hanno anche reperito un biglietto con gli incassi della settimana. Il pm di turno, Carmen Ruggiero, ha disposto per il 35enne il trasferimento in carcere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Irruzione in casa, sorpresi pusher e clienti. Trovata anche contabilità settimanale

LeccePrima è in caricamento