Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

L'ennesima tartaruga ferita: vittima del mare inquinato

"Becket" è un giovane esemplare di "caretta caretta" trovato avvolto da lenze e gravemente ferito. Lo hanno recuperato due passanti a Torre Vado e portato al Centro di Calimera per le prime cure

"Becket" (così l'hanno ribattezzato) è un simpatico giovane esemplare di "caretta caretta", una tartaruga marina di 24 centimetri e del peso di un chilogrammo e mezzo. E' l'ennesima vittima dell'inquinamento del mare ed è stato trovato agonizzante da due passanti sulla spiaggia di Torre Specchia. Lo hanno subito raccolto e trasportato personalmente presso il "Centro recupero tartarughe marine" di Calimera, all'interno del locale museo, annesso all'Osservatorio faunistico provinciale di Lecce. Le condizioni di "Becket" purtroppo non sono buone: la tartaruga era infatti intrappolata in un groviglio di lenze che le avvolgevano arti e collo. Diverse le lesioni, anche interne. Purtroppo, forse nel tentativo di strapparsi di dosso quella trappola infernale, ha ingoiato alcuni ami.

Il primo intervento è servito soprattutto a trattare lo stato di shock del povero animale, che è quindi stato sottoposto a terapia reidratante, antibiotica e vitaminica. Attualmente è stabulato in una incubatrice per aumentarne gradualmente la temperatura corporea ed evitare la disidratazione. Nei prossimi giorni "Becket" sarà sottoposto ad altri esami per verificare anche l'eventuale presenza di ami all'interno dell'apparato digerente.


Una volta stabilizzato il quadro clinico, l'animale sarà trasferito presso la stazione zoologica "Anton Dohrn" di Napoli, centro dotato delle più moderne attrezzature e strutture specifiche per la cura delle tartarughe marine. Se tutto andrà per il meglio, "Becket" potrà tornare nel Salento per ricominciare a nuotare nel suo mare. I biologi del Museo di Calimera invitano chiunque avvistasse una tartaruga marina o qualsiasi altro animale selvatico o esotico in difficoltà di contattarli, 24 ore su 24, ai seguenti numeri: 3206586558 o 3206586556.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ennesima tartaruga ferita: vittima del mare inquinato

LeccePrima è in caricamento