rotate-mobile
Cronaca

L'ex capo delle volanti di Lecce promosso primo dirigente di polizia

Promozione per Antonio Carmine Ingrosso, 51enne, bridisino di nascita e leccese d'adozione, dove ha lavorato per dodici anni fra commissariato di Otranto, squadra mobile e volanti. La tesi verteva su un tema molto attuale: l'evoluzione tecnologica dei servizi di controllo del territorio

ROMA - La tesi verteva sull’evoluzione tecnologica dei servizi di controllo del territorio, di certo molto attuale. La discussione è stata brillante e la prova superata con il giudizio di "segnalato profitto", cioè il massimo dei voti. Carmine Antonio Ingrosso, 51 anni, ha chiuso così la frequenza del corso di formazione che l’ha portato questa mattina alla promozione a primo dirigente presso la scuola superiore di polizia, a Roma.

Il funzionario, brindisino di origine e leccese d’adozione, ha prestato servizio presso la questura di Lecce per ben dodici anni. E’ stato, fra l’altro, dirigente del commissariato di Otranto, funzionario della squadra mobile e capo dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico (la sezione volanti). Si è accomiatato dal Salento nell’aprile scorso, quando è stato trasferito presso la questura di Novara, in qualità di reggente della divisione anticrimine. Un atto in vista di una promozione.

Al termine della cerimonia della consegna degli attestati di partecipazione, che si terrà venerdì 16 alla presenza del capo della polizia, Ingrosso tornerà a Novara. In Piemonte lo attende una pattuglia di giovani funzionari ai quali farà da guida in molti aspetti lavorativi, non ultimo l'ordine pubblico, relativo sia alla squadra di calcio (ormai lanciata verso la serie B), sia per tutto ciò che è collegato alla spinosa questione della vicina Val di Susa e a Milano, in occasione dell’Expo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex capo delle volanti di Lecce promosso primo dirigente di polizia

LeccePrima è in caricamento